Bassano del grappa: una città di spirito

La grappa, i famosi asparagi bianchi, le vicine ciliegie di Marostica e poi il Ponte Vecchio, le piazze, le chiese e i musei. A Bassano del Grappa si beve e si mangia bene, si passeggia per la città e si gioca a scovare di tutte le meraviglie che la Serenissima ha disseminato un po' ovunque, come il Leone di San Marco che troneggia minaccioso su una delle colonne di piazza San Giovanni, le forme eleganti delle finestre che ricordano quelle bifore del Canal Grande e il famoso Ponte Vecchio.

Una passeggiata per Bassano

Basta seguire la lieve pendenza delle strade di Bassano e si arriva al Ponte Vecchio, chiamato anche Ponte degli Alpini o galeone navigante, progettato dall'architetto Andrea Palladi, uno dei più grandi che abbia mai lavorato per Venezia. La Grapperia Nardini, che si trova all'ingresso orientale del ponte, è il luogo in cui Bortolo, il capostipite della dinastia dei grapparoli bassanesi, inaugurò, nel 1779, la sua prima distilleria di aquavite. 200 anni di grappini non l'hanno minimamente scomposto: il locale mantiene lo stesso bancone, le zare di rame dalle quali si spillava l'acquavite e le sedie impagliate attorno ai tavolini di legno.
A sottolineare lo stretto legame tra grappa e Bassano, non troppo lontano dal Ponte si trova il museo della Grappa, tutto dedicato a questa mitica bevanda. Le sale del museo occupano un vecchio palazzo del Quattrocento e sono organizzate in un percorso alla fine del quale ci si può rigenerare con assaggi e degustazioni.

A quattro passi dal Ponte, si trovano le due piazze comunicanti di Bassano del Grappa: Piazza Libertà e Piazza Garibaldi. In origine solo dei fossati difensivi, fu solo dopo il XIII secolo che vennero trasformate in vere e proprie piacce. Qui, sorgono le chiese più importanti di Bassano: San Francesco e San Giovanni, c'è ancora il mercato e si trova il Museo Civico.

Dove mangiare a Bassano del Grappa

Al Pioppetto è un ristorante circondato del verde della campagna bassanese, quasi nascosto in un parco con piante maestose, non lontano da dove si raccolgono i famosi asparagi bianchi di Bassano del Grappa, che in questo ristorante propongono in moltissime ricette: dalle cruditè di asparagi con lamelle di mele pink lady e mandorle tostate alla Tosella del Grappa con asparagi alla griglia, passando per la fesetta di maiale affumicata al ginepro con asparagi marinati alla grappa, la trota della Valbrenta in carpione di asparagi e germogli di valeriana e gli asparagi fritti con salsa agrodolce, una vera ghiottoneria.

Informazioni utili sul Pioppetto:
Via San Gregorio Barbarigo
Romano d'Ezzelino
Tel. 0424570502

Per un tuffo nel passato, provate la Birraria Ottone, in via Matteotti 48, a Bassano (tel.: 0424522206). Il locale è storico e risale al 1870, ha conservato il suo gusto retrò e serve ottimo cibo e buon vino in modo impeccabile.

Distillerie aperte

Alla fine dell'estate, verso settembre/ottobre, a Bassano del Grappa si celebra la Grappa con una manifestazione che ormai ha fatto storia. Distillerie Aperte è un evento imperdibile, l'occasione di degustare tutte le migliori grappe della zona e di conoscere l'arte antica della distillazione. E mentre si beve, si mangia anche: dal risotto alla grappa con radicchio, noci e zucca agli abbinamenti con cioccolato e meringhe, passando per le braciole di maiale sfumate con grappa di Moscato, per le patate americane al sapore di vinaccia, alla sbrisolona con grappa moscato e gli assaggi di cioccolato con ripieno di distillato invecchiato.
 

Sigla.com - Internet Partner