Blind Taste: sai riconoscere quello che mangi?

03/06/2013

Blind Taste: sai riconoscere quello che mangi?

Novità assoluta della quarta edizione di Taste of Milano è stata Blind Taste, una degustazione a occhi chiusi per scoprire e imparare a riconoscere i diversi sapori e profumi degli alimenti. A guidare e coordinare questa esperienza, assolutamente insolita e divertente, era presente Milly Callegari, eclettica gourmet farmacista, che da anni unisce la sua passione per la cucina a quella per la chimica e l’omeopatia. Stravaganti e fiabeschi i titoli scelti da Milly per le sue degustazioni per  incuriosire il pubblico e accrescere il fascino di questi incontri: Il vichingo addolcito, Corna e Bicorna, Siam tre piccoli porcellini, Hansel e Gretel a lieto fine e molti altri ancora.

I partecipanti di Blind Taste, seduti intorno a un grande tavolo conviviale e tutti rigorosamente bendati, sono stati catapultati in un percorso sensoriale unico, un vero e proprio viaggio alla ricerca del gusto. La degustazione al buio metteva infatti alla prova le papille gustative e olfattive anche dei commensali più esperti, che, privati della vista, dovevano ricorrere a tutti gli altri sensi per indovinare cosa Milly Callegari aveva servito loro in tavola.
Assolutamente nuovi e di non semplice individuazione gli abbinamenti proposti dalla vulcanica gourmet farmacista. In una prima sessione, Magia delle magie, i commensali dovevano indovinare i misteriosi ingredienti di una prelibata e fantasiosa pietanza: le lasagnette risottate alla limonata con crumble al parmigiano, crema di patanegra al burro e funghi panati. Il tutto accompagnato dalla butterbeer, la magica bevanda di Harry Potter. Ma l’appuntamento culinario Corna e Bicorna, dal nome del cornetto Algida, era davvero creativo e insuperabile: ostriche profumate con aceto balsamico al ginepro e crema di gorgonzola al chinotto erano servite insieme al cornetto Algida scomposto: panna alla base, cioccolato con granella di nocciole e croccante cialda da ultimo.

Blind Taste non era pensato però solo come un divertente assaggio al buio per scoprire abbinamenti curiosi e conoscere pietanze poco note. All’origine di questa divertente iniziativa c’è la filosofia di vita di Milly Callegari: un’alimentazione sana, equilibrata e soprattutto consapevole. Tra un assaggio e l’altro Milly ha spiegato infatti ai commensali l’importanza di avere un approccio scientifico nei confronti del cibo e degli alimenti alla base di un corretto regime alimentare (gli zuccheri, i grassi, le proteine, gli estratti vegetali…) per poterli applicare in un’espressione culinaria creativa ma salutare.

Questo il motto non solo di Ippocrate, ma anche di Milly Callegari: “Fa’ che il cibo sia la tua medicina”. Blind Taste quindi non degustazione alla cieca, ma viaggio alla riscoperta della storia, della chimica e della geografia degli alimenti. Bella e provocatoria l’idea di Milly, che nell’epoca della pura estetica, ci ricorda come il cibo non sia solo un oggetto d’arte, ma prima di tutto una fonte di nutrimento e salute.

testo di Alessandra Cioccarelli – foto di Monica Placanica

Sigla.com - Internet Partner