Carnevale di Hall Wattens: il divertimento nel segno della tradizione

Hall Wattens (Austria)

03/02/2013

Carnevale di Hall Wattens: il divertimento nel segno della tradizione-Evento--9

Nel comprensorio tirolese di Hall-Wattens, il carnevale ha un sapore metaforico. Infatti, con la festa dei coriandoli e delle stelle filanti, i suoi abitanti vogliono rievocare il ciclico passaggio che porta dall’inverno a una nuova primavera, dalle temperature rigide dei mesi appena passati al clima più temperato di quelli che stanno per arrivare. Proprio per questo, le maschere tradizionali della zona di Hall-Wattens rappresentano le due stagioni, tanto vicine sul calendario quanto opposte nell’immaginario comune.

La leggenda vuole che, quella attuata dal personaggio di Tuxer, che incarna la primavera, sia una e vera e propria cacciata ai danni dell’eccentrico Zottler che, invece, interpreta lo spirito dei giorni della neve e del Natale. La battaglia tra i due è prevista per domenica 3 febbraio. Anche quest’anno, c’è da scommetterci, l’evento non rinuncerà al colorito folklore, all’irriverente umorismo e alla musica delle bande locali che l’hanno animato negli anni precedenti.

Tanti sono stati i divieti che, nel corso della storia, hanno cercato di porre un limite all’entusiasmo dei cortei carnascialeschi. Nessuno, tuttavia, è mai riuscito a limitarne il successo e la partecipazione è andata aumentando. Tanto che, se all’inizio i contadini festeggiavano privatamente, ognuno nella propria casa, col passare del tempo i travestimenti, le danze e gli immancabili scherzi sono diventati momenti da esibire pubblicamente, con buona pace di quelli che amano la proverbiale quiete delle montagne austriache.

L’ambiente, la cultura locale che si divide tra rispetto per la tradizione e voglia di modernità e l’atmosfera urbana sempre affiancata alla tranquillità rurale rendono questi piccoli comuni austriaci mete ambite e ricercate, nella stagione sciistica come in quella estiva. Gli undici centri che compongono il comprensorio di Hall-Wattens si alternano ogni anno nell’ospitare i festeggiamenti del carnevale. Questa volta tocca al comune di Thaurs dove, per rendere davvero irresistibile l’appuntamento, arriveranno i gruppi musicali, i carri allegorici e le gustose specialità gastronomiche. Spostandosi di qualche chilometro s’incontra Absam con il suo piccolo e interessante museo, voluto dalla comunità locale in onore del carnevale. Costruito tra 1985 e 1987, si trova nella vecchia caserma dei pompieri e al suo interno contiene più di duecento maschere tradizionali, tutte realizzate in legno dagli artigiani tirolesi. Oltre ai citati Zottler e Tuxer, passeggiando tra le sale è possibile ammirare anche i tipici travestimenti da streghe, orsi e da altre creature appartenenti all’immaginario mitologico della zona.

Manca poco, ormai, all’eterna battaglia che, nei pressi della storica città di Hall, vedrà contrapporsi la primavera all’inverno, la luce al buio. Tutti pronti a sguainare le maschere?

di Serena Cirini

Sigla.com - Internet Partner