Éclair, bignè e torte in pasta choux: il nuovo libro di Rudolf Rainer e Silvia Rabito

24/06/2014

Éclair, bignè e torte in pasta choux: il nuovo libro di Rudolf Rainer e Silvia Rabito

Stanchi del solito cake design? In arrivo buone notizie per gli amanti dei grandi classici, la pasticceria tradizionale sta riconquistando il suo ruolo di regina del gusto, vestendosi però di design e gusti contemporanei.

È, infatti, arrivato il momento degli éclair - lunghi e sottili bignè di pasta choux glassati, decorati e farciti di creme golose sia dolci che salate - pronti a mettere d'accordo tutti. Nati a Parigi nel 1850 e da sempre realizzati nella caratteristica pasta choux, gli éclair, grazie a nuove glassature colorate ricche di praline, scagliette, effetti pittorici e alle farciture, anch’esse colorate e di mille sapori diversi, stanno scatenando letteralmente la fantasia dei francesi (sono già due le pasticcerie interamente dedicate aperte nella capitale in soli sei mesi).

Questi golosi dolci sono anche la passione di Rudolf Rainer, erede del Caffè Rainer di Innsbruck, fondatore delle due omonime pasticcerie di Firenze e ora autore - con la compagna e musa ispiratrice Silvia Rabito - di Éclair, bignè e torte in pasta choux, pubblicato da Giunti Editore. Un libro di ricette ma non solo, nel quale gli autori raccontano l'affascinante storia degli éclair partendo fin da Caterina de’ Medici, spiegano di quale attrezzatura occorre dotarsi e accompagnano il lettore passo passo nella realizzazione di oltre 40 tra éclair, bignè e torte in pasta choux, sia dolci che salati.

Rudolf Rainer

Figlio d’arte – suo padre Rudolf è fondatore dello storico Café Rainer di Innsbruck - impara le basi della pasticceria dalla nonna e dalla madre Annemarie. Diplomatosi a pieni voti alla Hotelfachschule di Hall in Tirolo, raffina la sua formazione nelle cucine più prestigiose di Innsbruck e in mare, sulle navi da crociera. Innamoratosi dell’Italia si trasferisce a Firenze, dove per dieci anni è chef nel Cibrèo di Fabio Picchi. Nel 2011 fonda i due Café Rainer fiorentini, continuando la tradizione paterna in chiave innovativa.

Silvia Rabito

Musa ispiratrice e socia di Rudolf, Silvia è di origine padovana. Suo nonno materno era Luigi Barbieri, inventore dell'Aperol e fondatore dell'omonima azienda. Laureata in arte al D.A.M.S. di Bologna, insegnante di italiano per straneri, counselor e master pratictioner di PNL, appassionata di macrobiotica e ginnastiche dolci, nella sua animata biografia il cibo ha sempre rappresentato una passione profonda e sincera. Ora, di concerto con Rudolf, ha deciso di investire in dolcezza mettendo le sue competenze al servizio del Caffè Rainer.

Sigla.com - Internet Partner