Il lusso è fare un’esperienza, meglio se enogastronomica

18/02/2015

Il lusso è fare un’esperienza, meglio se enogastronomica

E’ stata presentata a Milano una ricerca commissionata dalla Tenuta dell’Ornellaia (Bolgheri, Toscana), sul concetto di lusso. Secondo il Censis si sta modificando la concezione di lusso che è sempre meno legato a prodotti tangibili che rappresentano degli status symbol, ed è, invece, sempre più percepito come emozione voglia di vivere un’ esperienza di assoluta qualità.

I dati forniti dal Censis ci dicono che nel turismo sono aumentati del +41% gli alberghi a cinque stelle e, in generale del +25,7% il numero dei posti letto disponibili. Per quanto riguarda il settore alimentare, a fronte di una contrazione del -3% dei consumi negli ultimi due anni, si sta ora affermando una logica di piccoli lussi, visto che aumentano le richieste di prodotti tipici (+2%) e bio (+10%). Nel segmento vino, scende il consumo, ma cresce la spesa<. +3,5%.

I trend individuati dal Censis, sono confermati anche dalla stampa internazionale secondo cui l’eccellenza del lusso italiano è soprattutto nel settore dell’hospitality e della produzione enogastronomica, elementi di grande attrattiva e portabandiera nel mondo.
 
di Elena Caccia

Sigla.com - Internet Partner