La mica con porchetta Igp, un viaggio di gusto tra Roma e Milano

09/07/2013

La mica con porchetta Igp, un viaggio di gusto tra Roma e Milano

La mica è farcita quest'estate con la porchetta Igp di Ariccia, in provincia di Roma, quella buona, quella con la crosta croccante, dal sapore pungente e verace che vi lascia con le mani unte e con la gioia nel cuore. Piatto preferito dell’imperatore Nerone, la porchetta diventa nel tempo un prodotto diffuso e apprezzato in tutta la penisola per il suo inconfondibile gusto, la sua semplicità e molteplicità d’uso.
In Corso di Porta Ticinese 50, la Michetteria Milanese, creata da Federico Gordini e Matteo Ungaro, prosegue il suo viaggio nei sapori italiani. Dopo la mica Enzo Jannacci con gorgonzola e mortadella, la deluxe con culatello, la mica dello chef Roberto Valbuzzi, raffinata e originale con asparagi, cipolle marinate e crema di brie e prima della molto attesa mica vegetariana, l’autentico street food targato Michetteria Milanese non poteva escludere una delle eccellenze della cultura gastronomica tradizionale del centro Italia, la porchetta Igp di Ariccia.

“Le michette speciali di Mica si arricchiscono ogni mese di nuovi sapori, un invito per i milanesi a provare il gusto genuino tradizionale dell’umile michetta abbinato a ingredienti originali della cultura italiana. Mica è lo street food milanese per eccellenza: goloso, gustoso, di qualità, accessibile ai gusti e alle esigenze di un ampio pubblico, con un servizio anche di consegna a domicilio”, commenta Federico Gordini, una delle firme creative di Mica assieme a Matteo Ungaro, ideatore tra l'altro della MilanoFood Week, di Bottiglie Aperte e di decine di altri eventi che legano cibo e vino di qualità, moda e divertimento milanese, nonché vincitore del premio Giovane Imprenditore Italia 2012 da parte di Confcommercio.

La michetta
La michetta è l’autentico panino milanese, riconosciuto nel 2007 dalla De.Co (“Denominazione Comunale” ideata per proteggere il prodotto e tramandarne la ricetta).
La michetta, conosciuta in buona parte d'Italia anche come "rosetta", è stata il pane degli operai fin dal 1700. In quel periodo Milano entrò a far parte dell'Impero Austro-Ungarico. I funzionari portarono quindi in città alcune novità alimentari della loro terra di origine, come il Kaisersemmel, un panino a forma di rosa. Il Kaisersemmel però a Milano non rimaneva fresco e fragrante fino a sera, come invece succedeva a Vienna. I fornai milanesi decisero allora di renderlo più leggero privandone la mollica e facilitandone la conservazione. Iniziarono a chiamarlo michetta, come diminutivo di Kaisersemmel, nome che questo tipo di pane conserva ancora oggi.
Scoprite gli altri prodotti tipici e le ricette tradizionali di Milano nelle nostre sezioni "prodotti tipici" e "ricette"!

Sigla.com - Internet Partner