MIO, il nuovo city bar di Milano

29/01/2015

MIO, il nuovo city bar di Milano

Dimenticate i vecchi e noiosi bar d’albergo, il Park Hyatt Milano, cinquestelle all’ombra della Madonnina, rivoluziona il concetto del bar in hotel, unendo la funzionalità legata all’hospitality con una spiccata vocazione all’apertura al pubblico.
Il MIO, nuovo city bar milanese a due passi dalla Galleria Vittorio Emanuele II, non solo fungerà da cuore pulsante delle aree pubbliche e conviviali dell’hotel, ma punta ad affermarsi quale luogo di riferimento per tutti coloro, turisti e non, che volessero rilassarsi in un ambiente glamour e informale.

Che si tratti di una colazione di lavoro, di un pranzo veloce o naturalmente di un aperitivo in stile “Milano da bere”, MIO propone una pluralità di servizi in grado di rispondere alle più diverse esigenze della clientela. Qui, tra un cocktail e un bicchiere di champagne, sarà possibile assaporare i piatti ideati da Andrea Aprea, chef del Ristorante VUN (una stella Michelin) che trova sede nel medesimo boutique hotel e che condivide con il MIO un ingresso indipendente, lodevole soluzione che consente all’avventore di accedere direttamente all’area food&beverage evitando di transitare dalla hall.
La cucina italiana d’autore dello Chef partenopeo, rivisitando le tradizioni gastronomiche della nostra penisola in chiave contemporanea, si traduce al MIO in una carta, mutevole secondo la stagionalità, composta da due percorsi distinti: classici italiani e piatti internazionali.
Il pranzo prevede un buffet, dal lunedì al venerdì, al quale sarà possibile aggiungere due portate a scelta tra le proposte dello Chef; otto invece gli assaggi per l’aperitivo, che rispecchiano la visione di Aprea su questo “rito” milanese, interpretato attraverso un’ottica di grande qualità e rispetto delle materie prime.

MIO, il nuovo city bar di Milano


I 174 mq del MIO sono suddivisi in tre spazi: la sala del banco bar, punto d’accesso per il cliente, nel quale tra marmo, olmo e ottone troneggia il grande bancone; la sala dei legni, più intima con boiserie di olmo e grandi divani; il bistrò dalle grandi finestre rivolte verso la Galleria Vittorio Emanuele II, spazio reso versatile e confortevole dalle diverse tipologie di seduta messe a disposizione.
Il design del MIO - interamente sviluppato dall’architetto Flaviano Capriotti in esclusiva per Park Hyatt Milano -  vuole rendere omaggio alla cultura architettonica italiana, attraverso il sapiente uso dei materiali, e alla tradizione artigiana milanese, mediante la ricercatezza delle trame tessili, configurando una spazialità fruibile in tutti i momenti della giornata.

MIO vive infatti dal mattino alla sera, quando a farla da padrone è la ricca selezione di cocktails, da segnalare i miscelati a base di grappa italiana, e l’accurata lista dei distillati, con particolare riguardo per la scelta dei whiskey. Dulcis in fundo il caffè, elemento essenziale per un bar che si rispetti, anche in questo caso frutto di una collaborazione speciale con Caffè Giordano, che ha realizzato appositamente per Park Hyatt Milano una miscela denominata Santo Domingo Barahona AAA.

Le premesse ci sono tutte perché questa nuova apertura rivoluzioni le abitudini dei milanesi e non solo; seguendo la strada tracciata dal Ristorante VUN, il MIO bar e bistrò darà nuovo slancio alla riscoperta degli spazi alberghieri quali luogo di aggregazione, superando l’obsoleta visione che li vorrebbe ad uso esclusivo degli ospiti dell’hotel.

MIO – Park Hyatt Milano
Via Tommaso Grossi 1
20121 Milano
Tel. +39 02 8821 1234
milan.park.hyatt.com
milan.park@hyatt.com

di Simone Filoni

MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
MIO, il nuovo city bar di Milano
Sigla.com - Internet Partner