Occhi di lupo

Occhi di lupo-Descrizione--9

All’estero dire “Italia” significa evocare con immediatezza e facilità la buona cucina e, in particolare, la pasta. Questa associazione di idee è dovuta al fatto che, nell’ampio e incomparabile capitolo della pasta italiana, si potrebbe quasi perdere l’orientamento, tanta è la ricchezza e la varietà dei primi piatti che lo popolano. Ma se quasi tutti hanno assaggiato gli spaghetti e i maccheroni, forse non tutti, anche tra gli italiani, conoscono gli occhi di lupo.

Questo tipo di pasta deve il suo nome, così fantasioso e intrigante, al fatto che, vista in sezione, sembra ricordare le pupille del terribile e affascinante animale. A sottolinearne l’unicità contribuisce il fatto che, proprio come un lupo solitario, questa particolare pasta fa perdere le proprie tracce nella nebbia del mistero per quanto riguarda la sua provenienza: non si sa con esattezza il luogo di origine, ma si ipotizza che gli occhi di lupo arrivino dal napoletano.

Pasta corta e liscia, gli occhi di lupo si prestano docilmente (questa volta a dispetto del nome!) ai più svariati abbinamenti e condimenti, in ricette che possono prevedere anche la preparazione di pasticci al forno, perché il largo diametro degli occhi di lupo non permette al suo sugo-preda di scappar via!

di Letizia Benedettini

Sigla.com - Internet Partner