Pancetta tesa della Val Venosta

Le origini della pancetta sono molto antiche, infatti sono testimoniate da scritti e affreschi dell’epoca medievale. È ottenuta dal tessuto adiposo sottocutaneo dell’addome del maiale e solo prima della stagionatura le viene data la tipica forma tesa.
 
La pancetta tesa della Val Venosta è caratterizzata da una pezzatura rettangolare e, dopo la rifilatura del taglio, viene cosparsa di sale e spezie e quindi lasciata riposare.
 
Alla vista presenta strati chiari di grasso e filettature rosa di carne magra, mentre al naso risulta decisa e particolarmente aromatica con sentori che richiamano la carne e le spezie.

All’assaggio la pancetta tesa esprime un sapore intenso, sapido e di piacevole tendenza dolce. Davide Oltolini consiglia di impiegarla per avvolgere carni poco saporite, oppure di assaggiarla con delle pappardelle ai funghi porcini. A fette sottilissime è ottima anche da sola.
 
La linea Sapori&Dintorni Conad, da sempre attenta alle eccellenze agroalimentari del territorio, annovera questo prodotto tipico dell’Alto Adige nella gamma della sua ricca offerta.
 

Sigla.com - Internet Partner