Risotto con zafferano e caciocavallo Silano mantecato all’olio dei colli Martani

Condividi su facebook share twitter share pinterest share

Iniziamo dalla fine. Hai mai mantecato un risotto con l’olio al posto del burro? Oggi, scopri come si fa e che cosa cambia nel sapore del piatto. Con il risotto allo zafferano e caciocavallo Silano prepari un risotto alla milanese con una particolarità, anzi due: il caciocavallo silano e l’olio dei colli Martani. Il caciocavallo dà a questo primo piatto una nota di sapidità in più e la mantecatura all’olio lo alleggerisce e lo rende un piatto adatto a tutte le stagioni.

Le regole per fare un risotto perfetto

Siamo partiti dalla fine, dalla mantecatura. Non c'è una regola sugli alimenti da usare. Burro oppure olio; parmigiano o un qualsiasi altro formaggio. La scelta è di chi cucina e, per mantecare un risotto, si possono usare tutti i formaggi che si vuole. Dal Gorgonzola (che sta bene con le pere) al Provolone Valpadana DOP, passando per il taleggio o il grana padano, puoi usare il formaggio che preferisci per mantecare un risotto. L'importante è che mantechi sempre a fuoco spento.

Un'altra regola da seguire per cucinare un risotto perfetto è quella che riguarda la varietà di riso giusta da scegliere. Vialone Nano e Carnaroli sono le due varietà di riso che vanno meglio per il risotto, perché rilasciano la giusta quantità di amido durante la cottura e diventano cremosi al punto giusto.

La terza regola riguarda il sale. Ci sono tre momenti in cui è permesso aggiungere il sale al risotto:
  1. Il primo: mettere il sale mentre si tostano i chicchi di riso, che in questo modo si saleranno a puntino e subito. Se lo metti dopo (memtre cuoci con il brodo), semplicemente si sala il brodo (inutilmente). Invece se lo metti prima, mentre il riso sta tostando senza grassi in padella, è il chicco soltanto a salarsi.
  2.  A metà cottura puoi assaggiare e vedere se aggiungere sale o meno.
  3. Durante la mantecatura, se vuoi, puoi assaggiarlo di nuovo e risalsarlo.
La regola numero 4 va seguita e dice che: il brodo non va mai salato, perché tanto si tratta di un liquido e in quanto tale evapora diminuendo così di volume ma aumentando in proporzione la percentuale di sale concentratasi al suo interno. Così diventa difficile capire quanto se ne è messo effettivamente nella pentola! La cinque riguarda sempre il brodo, che deve essere fatto in casa con verdurine di stagione (non ci vuole niente).

Ingredienti per quattro persone:
  • 240 g di riso Carnaroli
  • 1 bustina di zafferano
  • 70 g di caciocavallo silano
  • 40 g di parmigiano
  • 1 l di brodo vegetale
  • olio extravergine di oliva Colli Martani DOP q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:
1.   In una casseruola, aggiungere un filo di olio e tostare il riso per qualche minuto
2.   Bagnare con del brodo e aggiungere lo zafferano
3.   Cuocere per 16 minuti aggiungendo il brodo mano a mano che evapora. Verso fine cottura, assaggiare e regolare di sale
4.   Aggiungere il caciocavallo e il parmigiano grattugiati, olio a filo e mantecare a fuoco spento

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 20 minuti min . Tempo di preparazione: 20 minuti min . Dosi per: 4 persone persone
Sigla.com - Internet Partner