Ristorante Centrale

Il ristorante Centrale, a pochi passi dal Duomo di Cremona, in una delle più romantiche straducce del centro, ha più di 100 anni di attività. Due le sale che accolgono i commensali: scesi pochi gradini ecco il bancone degli affettati, i tavoli coi panni verdi per le partite a carte, i frigoriferi a vista. Al ristorante Centrale si raccolgono gli anziani di questa città-paese-museo, che si danno appuntamento per trascorrere il pomeriggio tra una polpetta e una scheggia di formaggio, davanti a unbuon bicchiere di vino. Nella sala ristorante del Centrale, più luminosa, ci sono arredamenti ispirati al passato, una perlinatura leggera che copre i muri a mezza altezza, dei lampadari a tubi di vetro. I vasoni di mostarda di Cremona sono in bella mostra al centro del salone.

La cucina del ristorante Centrale è semplice, familiare, popolare. Come la minestra di fagioli con l'occhio e cotenne (l'occhio e il puntino nero sulla parte mediana del legume). Altri piatti di grande bontà del ristorante Centrale sono i marubini (pasta ripiena ad anello) ai tre brodi come vuole la tradizione di Cremona, la trippa, la zuppa di verdure. Pregiati i tagli di carne dei bolliti misti (a richiesta la mostarda o la salsa verde di prezzemolo, olio ed aglio): manzo, lingua di vitello, testina di vitello. E anche cotechino. Al ristorante Centrale si può scegliere un assaggio dei quattro tagli o puntare su uno solo. Consigliabile anche un assaggio dal forno: lo stinco di maiale, la faraona, la punta di vitello o uno stracotto di manzo con polenta. Cotture, quantità e preparazione come fatte in casa. Tre i dessert del ristoranteCentrale vi segnaliamo – se disponibile – il semifreddo al torrone.

La carta dei vini del ristorante Centrale propone discreti vini emiliani, specie piacentini, ma anche buone etichette piemontesi a prezzi "pre-euro".

Sigla.com - Internet Partner