Ristorante Il Casato

Ristorante Il Casato

Costruito in bilico fra roccia e mare il Ristorante Il Casato è un edificio d'epoca di fine '500. Lo stemma ovale che lo sovrasta raffigura un gallo che canta rivolto verso il sole e la lettera R che si suppone sia l'iniziale del cognome della famiglia Ruffo di Calabria. Gli interni sono costruiti rispettando la struttura iniziale del locale, anticamente utilizzato come ricovero barche. Gli spazi sono sorretti da pilastri ottagonali e i volumi scomposti da archi a sesto tondo.

Tratto distintivo del locale è che nel periodo estivo è possibile gustare le prelibatezze culinarie immersi nella bellezza naturale più affascinante del luogo: il mare. Su una piattaforma che, partendo dalle rocce che caratterizzano la costa del luogo, si allunga sul mare si può godere un ottimo pasto con una vista mozzafiato. Da un lato si può godere la vista sullo stretto di Messina al tramonto, puntellato di piccole imbarcazioni; dall’altra si può rivolgere lo sguardo verso il borgo arroccato e il castello di Ruffo da cui spesse volte partono giochi pirotecnici.

di Giulia Aragona

Ristorante Il Casato-Photogallery-3
Ristorante Il Casato-Photogallery-3
Ristorante Il Casato-Photogallery-3
Ristorante Il Casato-Photogallery-3

Cucina: le portate sono principalmente a base di pesce, pescato nel mare di Scilla, noto per la sua varietà di specie marine e qualità. Mentre in altre parti della Calabria non si dà la giusta rilevanza ai prodotti del mare ma si valorizzano maggiormente i sapori dell’entroterra, a Chianalea regna sovrano un trionfo di sapori tipicamente marittimo e raffinato. L’orgoglio dei proprietari per la propria terra si percepisce dai piatti stessi e dalla loro presentazione, che mette in primo piano il prodotto locale e usa gli altri ingredienti al fine ultimo di valorizzarlo.

I piatti sono semplici e conservano il sapore genuino del pesce fresco spesso abbinato ad agrumi o altri prodotti tipici del luogo. Si possono degustare fra i tanti: tagliolini con bottarga di tonno, spaghetti ai ricci, involtini di spada in foglie di limone, tagliata di tonno con cestino di grana rucola e formaggio fresco. Il punto di forza di ogni piatto, il quid in più dell’esperienza, si rivela sempre essere un aspetto della cultura regionale, come le foglie di limone con cui viene accompagnato il pesce spada o la cornice estetica del luogo nel quale ci troviamo. La personalità del locale è forte ma non invadente, si rivela lentamente in un susseguirsi di piacevoli scoperte.

Sigla.com - Internet Partner