Sautè di lupini di mare su clorofilla di cerfoglio

Sautè di lupini di mare su clorofilla di cerfoglio
Condividi su facebook share twitter share pinterest share

Non sempre, quando si ha ospiti, si sa come iniziare un pranzo o una cena, gli antipasti sono spesso una grande incognita. Oggi il nostro food blogger Alfredo Iannaccone propone un'entrèe di grande effetto e dai sapori tipicamente mediterranei: il sautè di lupini di mare su clorofilla di cerfoglio. Protagonista del piatto è infatti la clorofilla delle erbe aromatiche più profumate e primaverili, quelle che meglio si adattano a un piatto tiepido-caldo che in bocca ci regala però un sapore unico al palato.

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 5 min . Tempo di preparazione: 30 min . Dosi per: 4 persone . Difficoltà: Media . Calorie: Basso . Prezzo: Medio

Intolleranze

Senza glutine Senza glutine
Senza frutta secca Senza frutta secca
Senza lattosio Senza lattosio
Senza uova Senza uova
Senza crostacei Senza crostacei
  • 2 kg di lupini di mare freschissimi
  • 100 ml di acqua di mare ad uso alimentare (depurata)
  • 50 ml di acqua fredda
  • 2 spicchi di aglio rosso trapanese di Nubìa
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 pezzetto di peperoncino habanero orange
  • cerfoglio oppure prezzemolo fresco
  • 1 bicchiere di vino bianco Greco di Tufo
  • foglie di prezzemolo fresco
  • foglie di cerfoglio fresco
  • foglie di lippia
  • foglie di basilico lime
  • ghiaccio
  • pepe bianco di Muntok
  • 1 limone sfusato amalfitano
  1. Per preparare il sautè di lupini di mare su clorofilla di cerfoglio lasciare a bagno i lupini nell’acqua di mare depurata ad uso alimentare, unita ad 1/3 di acqua fredda. I frutti di mare cominceranno ad uscire dal guscio e a muoversi, se sono freschissimi inizieranno anche a spruzzare acqua.
  2. Lavare le foglie più integre e belle delle erbe aromatiche, per pochi secondi in una boule piena di acqua freddissima, aggiungendo del ghiaccio poco per volta all’acqua. Scolare infine le foglie e frullarle con il ghiaccio.
  3. Passare la “granita” di erbe al setaccio, con energia, facendo pressione sul ghiaccio: ricavarne un liquido verde intenso e filtrarlo almeno due volte.
  4. Sciacquare i lupini con un filo d’acqua corrente per eliminare gli eccessi di sale, disporli in un tegame caldo per farli aprire del tutto e consentire all’acqua contenuta nei frutti di mare di fuoriuscire.
  5. Filtrare l’acqua dei lupini due volte e unirla delicatamente alla clorofilla di prezzemolo, senza mescolare. Aggiungere poi le gocce di limone sfusato amalfitano spremuto, al momento, nel composto.
  6. Saltare i lupini pochi minuti a fiamma viva con olio extravergine d’oliva, aglio (lasciandolo sudare), cerfoglio fresco e peperoncino. Sfumare con vino bianco secco non freddo e unire un tocco di pepe bianco macinato finissimo.
  7. Versare delicatamente in un piatto bowl la clorofilla di prezzemolo e limone. Poggiare sopra l’acqua verde intenso i lupini ancora caldissimi e decorare il sautè di lupini di mare su clorofilla di cerfoglio con erbe aromatiche fresche. Buon appetito!
Sigla.com - Internet Partner