Se non hanno il pane, che mangino…

12/12/2012

È stata inaugurata da una quindicina di giorni la panetteria “Au pain de la veille” in uno dei quartieri popolari di Nimes, nel sud della Francia, niente di particolare direte, perché ritenere l'apertura di una panetteria, dal nome singolare “Al pane della vigilia”, notizia del giorno? Questa non è una boulangerie come le altre, si possono trovare solo pane, pizze, focacce e dolci del giorno prima, tutti a metà del prezzo. Un'iniziativa che gli abitanti del quartiere hanno accolto con grande entusiasmo, in questo periodo di forte crisi economica l'imperativo è risparmiare anche sulle spese di ogni giorno, soprattutto qui a Nimes dove il tasso di disoccupazione supera quello della media nazionale francese. I clienti di Au pain de la veille sono essenzialmente studenti, anziani e disoccupati, che non disdegnano il pane del giorno prima, perché se un panettiere usa ingredienti di qualità ed è in grado di preparare bene il prodotto, questo rimane buono per più giorni. Bisogna semplicemente prendere alcuni accorgimenti, come tostare il pane, che la proprietaria del negozio conosce e dispensa a tutti gli avventori. Le Parisien ieri ha intervistato una giovane studente che ha dichiarato: ”Io griglio il pane, quindi che la mia baguette sia di oggi o di uno o due giorni prima, non è importante”. Una baguette  da Au pain de la veille costa soli 40 centesimi di euro, mentre nel resto della città il prezzo medio è di 80-90 centesimi al pezzo, un vero e proprio risparmio, che a sentire i consumatori non lascia insoddisfatto il gusto.

Fonte: Ansa.it leParisien.fr

Sigla.com - Internet Partner