Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci
  • 90
  • 60
  • Media
  • Alto
Alfredo Iannaccone rende omaggio alla sua terra con una ricetta della tradizione campana, la pizza rustica di Pasquetta con lievito madre,  un piatto versatile e ideale per accompagnare le festività primaverili. La pizza rustica della tradizione campana, in particolare dell'entroterra, viene chiamata anche pizza piena o chiena, ricca di ingredienti, è un'esplosione di gusto e di calorie. Consigliamo la trasgressione, la pizza rustica di Pasquetta, preparata da Alfredo, è troppo golosa per resistere alla tentazione!
COME SI PREPARA?
ingredienti
  • senza frutta secca
  • senza crostacei
  • 500 g di farina
  • 250 ml di acqua
  • 12 g di lievito madre
  • 80 g di strutto
  • 150 g di salame
  • 150 g di caciocavallo
  • 75 g di pecorino di Carmasciano
  • 30 g di parmigiano reggiano
  • 6 uova
  • sale
  • pepe
preparazione
  1. Per preparare la pizza rustica di Pasquetta iniziare dall’impasto. Disporre quindi la farina a fontana su una spianatoia, formare una cavità al centro e aggiungere il sale, il lievito, l'acqua, lo strutto e un uovo.
  2. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo e poi riporre temporaneamente in frigorifero.
  3. Tagliare a cubetti il salame, il caciocavallo e il pecorino. Grattugiare il parmigiano reggiano.
  4. Sbattere quattro uova in un recipiente abbastanza grande, incorporare il salame, i formaggi, un cucchiaio di sale e una spolverata di pepe.
  5. Estrarre l’impasto dal frigorifero, dividerlo in due parti e stenderlo.
  6. Ungere, possibilmente con lo strutto, una teglia circolare del diametro di 30 cm e foderarla con la prima metà dell’impasto. Versare il ripieno nella teglia e chiudere la pizza rustica con la restante parte dell’impasto.
  7. Sbattere un uovo aggiungendo una tazzina d’acqua e spennellare la superficie della pizza rustica. Cuocere in forno preriscaldato a 170° per circa un’ora. Affettare la pizza rustica, una volta che si sarà completamente raffreddata. Potete prepararla in anticipo e, come ci suggerisce il suo nome, consumarla a Pasquetta!
SCUOLA DI CUCINA

Impara passo dopo passo con i corsi tenuti dagli chef Saporie

PUNTI D'INTERESSE

Piccoli suggerimenti su dove assaporare l'arte

SCOPRIRE CON SAPORIE