Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Leonardo Raspini primo direttore generale di Cecchi

Per la prima volta la Cantina toscana si dota di un direttore generale che medi tra l’azienda-famiglia e le realtà esterne. Raspini è dotato di grande esperienza e dovrà gestire l’indotto proveniente da 300 ettari di vigneto e dal lavoro di 120 persone.
 
leonardo-raspini-primo-direttore-generale-di-cecchi
Cesare e Andrea Cecchi avevano fatto sempre tutto da soli e con ottimi risultati dato che, Cecchi, è diventata una cantina di valore riconosciuta in tutto il mondo. Oggi, però, i due fratelli si sono resi conto che nell’organigramma aziendale (che era già stato modificato a inizio anno con Cesare alla presidenza e Andrea nel ruolo di amministratore delegato), mancava un anello, un’interfaccia tra la famiglia-azienda e le varie realtà territoriali. Per questo motivo, dal primo settembre, la Cantina avrà un direttore generale: Leonardo Raspini.

Cinquant’anni, toscano, Raspini ha una grande esperienza sulle spalle: le Cantine Lungarotti, Tenimenti Angelini, Tenuta dell’Ornellaia sono solo alcune delle realtà in cui il manager si è fatto le ossa. «Da tempo avevamo intuito la necessità di avere in azienda un professionista d’alto profilo con il quale condividere gli aspetti dell’organizzazione aziendale dell’intera filiera: dal vigneto allo sviluppo commerciale», ha precisato Cesare Cecchi, sostenuto poi da Cesare: «Cercavamo una persona che comprendesse fino in fondo la somma dei nostri valori e condividesse il nostro futuro».

Raspini opererà in Toscana, nel Chianti Classico con le Tenute Villa Cerna e Villa Rosa e in Umbria, a Montefalco, con Tenuta Alzatura; si tratta complessivamente di 300 ettari vitati che danno lavoro a 120 persone per un fatturato annuo di 36 milioni di euro.
 
di Elena Caccia
SCOPRIRE CON SAPORIE