Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Odense, la città di Andersen tra fiaba e realtà

odense-la-citta-di-andersen-tra-fiaba-e-realta
Tutti conoscono Copenhagen, ma pochi conoscono Odense, la città ricca di atmosfera sulla verde isola di Fyn, che ha dato i natali al grande scrittore Hans Christian Andersen, famoso per le sue fiabe. Qui tutto ha a che fare con lui: molti locali portano il nome delle sue favole, da "Il brutto Anatroccolo" al "Soldatino di Piombo". Andersen, figlio di un calzolaio e di una lavandaia alcolizzata che consultava le chiromanti sul futuro di quel ragazzino "con gli occhi minuscoli come piselli verdi", venne al mondo in quello che oggi è il più bel quartiere di Odense, con strade lastricate e casette basse dalla struttura lignea, divenute ristoranti o negozi di souvenir, restaurate e abbellite con insegne di anatroccoli, sirenette, cigni e soldatini di legno. E' la cornice ideale per il museo a lui dedicato, creato nel 1905, nel centenario della sua nascita, che raccoglie manoscritti, ritratti, oggetti personali di Andersen: i mobili del suo ultimo studio a Copenaghen, le enormi scarpe, i bauli da viaggio e le tantissime edizioni delle sue opere in lingua danese, ma anche quelle tradotte nelle più svariate lingue del mondo. Vicino al museo, c'e il Centro Culturale per Bambini Fyrtøjet, dove i più piccoli possono giocare, disegnare e dipingere in piena libertà.

La città e i dintorni
Ideale se si viaggia coi bambini, perché tutto è a loro portata, Odense è anche la meta per chi cerca un'oasi di cultura, di gastronomia di qualità e, soprattutto di tranquillità. Appena giunti si nota subito la mancanza di rumori: poche auto, rispettosissime dei passaggi pedonali e ancor più dei percorsi ciclistici che abbondano. Le auto vanno piano; i parcheggi sono semivuoti: il centro città sembra uscito da un quadro di Brueghel. E' piacevole passeggiare per il centro storico, dominato dalla imponente cattedrale di Sankt Knuds Kirke, una delle più belle costruzioni in stile gotico del Nord Europa; fare shopping in negozietti, boutique, o presso il Rosengårdcentret, un centro commerciale con più di 140 negozi. Subito fuori città si può visitare il Den Fynske Landsby, un museo all'aperto con case rurali o l'interessante Odense Zoo.
A una mezz'oretta da Odense, si può andare alla scoperta della Danimarca più autentica: il Castello di Valdemar e la cittadina di Faaborg, in riva al mare, con visita sulle isole dell'arcipelago della Fionia meridionale. Per chi ama uscire la sera, la vita notturna si svolge nel centro. Qui si trovano tanti ristoranti, bar, locali con musica dal vivo; discoteche e pub; in tutti viene servita la Albani, la birra locale, prodotta dalla birreria fondata da MPharm Theodor Schiøtz, nel 1859. Per gli appassionati del tavolo verde il Radisson H.C. Andersen Hotel offre un Casino con trentacinque slot machines e undici tavoli da gioco. A chi predilige il blues, il rock o la musica folk suggeriamo il Posten e l'Alibi; agli appassionati di jazz il Jazzhus Dexter, ma anche i tanti festival musicali che si svolgono durante tutto l'anno.

La cucina danese
Ottime e "caloriche" le proposte gastronomiche. Carne e pesce sono alla base di robusti pasti che si concludono sorseggiando un bicchierino di Cherry Heering o di Akvavit. Gustosissimi i wurstel con cavolo verde sminuzzato, cotto in salsa bechamel; i frikadeller, polpette di maiale fritte nel burro con le cipolle; l'aebleflaesl, pancetta affumicata con cipolle e mele fritte. Apprezzabili le carni di renna, di alce e d'oca, arrostite o come petti affumicati.
Le sorprese più interessanti derivano dal patrimonio ittico, pescato nel Mare del Nord: salmoni, sogliole, anguille, frutti di mare, pregiate ostriche, grosse aragoste. Ottimi i formaggi e i dolci: dalle deliziose casette di marzapane con la glassa di zucchero alla superenergetica noddekage, impasto di noci, zucchero e uova. Da non perdere il cosiddetto "sandwich aperto", lo Smørrebrød, davvero gustoso. Il tutto annaffiato dalle birre danesi.
Se vi incuriosisce la cucina danese, leggete anche la nostra presentazione del ristorante stellato Relae di Copenhagen.

La birra
La birra è la bevanda nazionale che accompagna regolarmente ogni pasto. Se ne producono numerosi tipi, tutti diversi tra loro. Le birrerie più importanti sono Carlsberg, Ceres e Tuborg, che propongono lager leggere e chiare, oltre a Stout e a birre di frumento, aromatizzate alle erbe. Ma non solo. Qui, nella terra di JC Jacobsen, studioso della chimica dei lieviti, (da lui prende il nome il lievito per la bassa fermentazione) vengono costantemente lanciate nuove birre, preparate secondo la tradizione o secondo le mode del momento, dai tanti microbirrifici del Paese. In sei anni la Danimarca è passata dall'ultimo al primo posto per numero di birrifici artigianali d'Europa. A gestione familiare, con un punto vendita adiacente, sono dislocati in tutto il Paese.
Sull'isola di Fyn, due i birrifici che meritano una visita. Sulla strada principale a sud di Odense, tra Svendborg e Nyborg, appena fuori dal paesino di Refsvindinge, si trova il birrificio fondato nel 1885 da Hans Poul Rasmussen, e da allora di proprietà della famiglia Rasmussen arrivata oggi alla quarta generazione. Qui, da quasi cento anni il birrificio produce Hvidtøl, birra scura a bassa gradazione alcolica, alcune lager e la "skibsøl", una originale birra affumicata. Sempre nella regione dello Syddanmark, circa 25 km a sud – est di Odense, merita attenzione il birrificio Ørbæk, nato nei primi del ‘900, che produce la Brown Ale, una birra scura leggermente dolce. Dal 2005 la capacità di produzione è aumentata tanto da dover aggiungere un nuovo edificio alla vecchia fabbrica. Qui è stato collocato un piccolo store, aperto dal lunedì al venerdì, dove si possono conoscere e degustare alcune tra le birre di qualità prodotte con malto biologico. Se siete da queste parti, durante la bella stagione, vi consigliamo di non perdere la Fynsk Forår, prodotta solamente in primavera e in estate con ingredienti biologici e aromatizzata con fiori di sambuco. Di colore giallo paglierino opaco, con schiuma persistente e una gradazione alcolica del 4,8%, è una birra decisamente rinfrescante, adattissima per i mesi caldi.

Per arrivare a Odense basta prenotate uno dei tanti voli Ryanair, da Bergamo e Roma, per Billund, sempre a tariffe convenienti. In sole due ore si raggiunge la città regno dei mattoncini Lego, che qui nacquero nel lontano 1934. Da qui si raggiunge facilmente Odense in autobus, in treno o noleggiando un'auto.
odense-la-citta-di-andersen-tra-fiaba-e-realta
Odense la città di Andersen tra fiaba e realtà
Flakhaven, 2
Odense
Odense

Scoprire l’Italia

attraverso la cucina

Piccoli consigli regionali per mangiare e conoscere l’Italia

SCUOLA DI CUCINA

Impara passo dopo passo con i corsi tenuti dagli chef Saporie

PUNTI D'INTERESSE

Piccoli suggerimenti su dove assaporare l'arte