Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Come rendere l'aglio più digeribile

Come digerire l'aglio? Basta renderlo più digeribile. Tutti i modi di....

come-rendere-l-aglio-piu-digeribile

Come rendere l’aglio più digeribile, metodi della nonna e non.

L'aglio, insieme alla cipolla sono per antonomasia ingredienti poverissimi ma attenzione a rispettarli. Entrambi sono da considerarsi rispettivamente re e regina della cucina italiana. E da perfetti re e regina, dominano con i loro aromi tantissime ricette riuscendo a impreziosirle ed esaltarne i sapori. Impreziosiscono si, ma come ogni cosa buona che si rispetti, il lato negativo è dietro l'angolo. 
Sappiamo tutti il saporino che rimane dopo aver mangiato un bel piatto di pasta aglio, olio e peperoncino. 
Digerire l'aglio e la cipolla è molto difficile e un semplice pranzetto può trasformare un pomeriggio normale in un pomeriggio d'inferno. Per non parlare di chi vi sta intorno...è solo per educazione che no dicono nulla.

Come digerire l'aglio, i metodi tradizionali

Esistono i metodi più tradizionali per digerire meglio l'aglio. Togliere l'anima serve a non accentuare ulteriormente l'indigeribilità dell'aglio. Cuocerlo in camicia e rimuoverlo è il metodo migliore per profumare i piatti e non avere problemi. Oltre a togliere l’anima e cuocerlo in camicia, metodi che ormai la maggior parte di voi conosce, esistono altri metodi (più o meno veloci) per rendere l’aglio facilmente digeribile. 

Grazie alle proprietà peculiari che questi preziosi bulbi hanno a crudo, la digestione viene facilitata e l’assimilazione delle sostanze nutritive aumenta fino al 15% rispetto al prodotto cotto. Se dovete condire delle insalate, delle bruschette o qualsiasi pietanza che preveda di utilizzare l’aglio crudo, utilizzate lo spremiaglio in modo da ridurlo ai minimi termini, In questo modo si minimizza il rischio di avere il classico sapore di aglio in bocca che dura anche dopo diverse ore dalla fine del pasto. Questi sono i metodi più comuni e veloci, la fantasia e la casualità hanno si sono fatte da padrone nelle tre possibilità che vi propongo di rendere l’aglio più digeribile.

Digestione aglio, i metodi degli chef

I metodi tradizionali si sa, sono sempre bene accetti. Ma i tempi cambiano e la cucina avanza in un ottica sempre più futuristica e gli esperimenti di questi alchimisti-chef hanno portato a dei risultati eccellenti anche per digerire l'aglio

Aglio ammollato nel latte

L’aglio ha la fama di essere il responsabile di molte digestioni difficoltose. Ma, se si prendono i dovuti accorgimenti, è possibile renderlo digeribile con qualche semplice passaggio che viene tramandato da madre in figlia da secoli. Il metodo più antico per renderlo più digeribile è quello di metterlo in una ciotola con latte freddo e lasciarlo anche per tutta la notte a macerare, in questo modo l’allicina verrà assorbita dal latte rendendolo appunto più digeribile e dolce. 

Sbollentare l’aglio: la tecnica degli chef servita sulle vostre tavole

Il secondo metodo per renderlo più digeribile è di sbollentarlo 3 volte prima di utilizzarlo, questa è la tecnica chiamata sbianchimento, tecnica usata dagli chef per mantenere inalterati colore, consistenza e sapore degli ingredienti.

Aglio nero fermentato, come si fa?

La fantasia, unita alla casualità sono le origini dell’aglio nero. Si tratta di normali bulbi di aglio fresco fermentati che si trasformano radicalmente, nell’aspetto e nelle caratteristiche. Infatti, il nome si deve al risultato dal tipico colore nero, figlio di questa lavorazione. Per preparare l’aglio nero basterà prendere dell’aglio fresco, lasciarlo in un luogo umido per circa 30 giorni e in ultimo lasciarlo ossidare per 45 giorni. Il risultato ottenuto sarà strabiliante nel gusto e nell’aspetto, il gusto con retrogusti balsamici e di liquirizia, sarà sicuramente una piacevole sorpresa nei vostri piatti. Il suo utilizzo non è da considerarsi occasionale. Infatti, è da usare come un normale aglio bianco, si adatta egregiamente per tutte le preparazioni. Dalla bruschetta alla classica pasta aglio, olio e peperoncino, la sua versatilità rimane immutata, con il pregio di essere sicuramente più digeribile.