Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci
  • 15 minuti
  • 15 minuti
  • 4 pers.
  • Bassa
  • Basso

Milano non è immune dalle mode, le mode le importa dall'estero le fagocita e le rende fruibili a tutti, come ha fatto con i poke. Sbarcati circa un anno fa nella capitale della moda, i poke sono diventati in fretta il cibo preferito dai milanesi, per motivi assolutamente prevedibili. I poke sono sani, sono veloci, si ordinano ormai in tutta la città in un istante e sono gustosissimi. Ma se uno decidesse di non aver voglia di ordinare il poke a Milano e volesse prepararlo a casa? Abbiamo chiesto al nostro versatilissimo chef Stefano De Gregorio come si prepara un poke all'italiana, un perfetto piatto unico sia per una cena veloce che per un pranzo in ufficio. Perchè il poke si può preparare anche in anticipo. Ma vediamo insieme come preparare il poke di tartare di battuta piemontese. 

Se vi piace la tartare, leggete anche:
Come fare una tartare buona come al ristorante 
Tartare di vitello e insalata d'inverno
24 ricette per preparare favolose tartare di pesce 

Tartare di manzo di razza piemontese

Che cos'è il poke

Il poke è un piatto che deriva dalla tradizione gastronomica hawaiana. Poke alle Hawaii infatti significa proprio tagliare, o meglio tagliare in diagonale a pezzetti. Il poke di solito è del pesce crudo tagliato servito come antipasto o come piatto principale. Alle Hawaii di solito il poke viene preparato con l'aku, che è un tonno grasso, o con l'he'e, il polpo. Ormai ci sono versioni di tutti i tipi quando si parla di poke, le più celebri sono quelle che contengono il salmone crudo, il tonno, o ancora i crostacei. Con questa ondata di poke alla moda non mancano nemmeno le versioni di poke vegetariane

Come preparare il poke

Preparare il poke è facilissimo, anche perchè il poke è praticamente senza cottura. Dovete solo preparare gli ingredienti in anticipo e cuocere la base, che in questo caso è a base di riso rosso integrale. Per preparare il riso rosso mettete in una ciotola il riso rosso e l'acqua bollente in parti uguali. Fate attenzione a non salare l'acqua del riso perchè ci saranno le sale, la carne e i condimenti a dare sapore. Lasciate cuocere il riso a contatto con l'acqua per 15 minuti, coprendo la ciotola con della pellicola da cucina. Una volta che il riso sarà cotto, sgranatelo e lasciatelo raffreddare. Il riso sarà la base del vostro poke, poi assemblate semplicemente gli ingredienti. Potete scegliere se aggiungere la salsa alla fine o bagnare leggermente il riso con la salsa. Qui sta al gusto personale.  ​​​​​​
COME SI PREPARA?
ingredienti

Ingredienti per fare il poke con la tartare di battuta piemontese:

  • 200g di riso rosso integrale
  • 240g di tartare di battuta piemontese
  • salsa tandoori
  • salsa teryiaki
  • 4 pomodori
  • 1/2 daikon
  • 2 avocado
  • anacardi
  • 2 cipollotti rossi
  • 4 lime
  • 1/2 cavolo cappuccio 
  • peperoncino
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale
preparazione

Come si prepara il poke con tartare di battuta piemontese:

  1. La prima cosa di cui occuparsi è sempre la cottura del riso. Prendete il riso integrale e mettetelo in una pentola con acqua non salata in parti uguali. Chiudete con un coperchio e lasciate cuocere il riso fuori dal fuoco per 15 minuti. Poi scolatelo. 
  2. Mettete la tartare di battuta piemontese in una ciotola e conditela con olio extra vergine d'oliva, sale, peperoncino rosso e lime. Una volta che la carne sarà condita formate delle polpettine. 
  3. Tagliate il pomodoro a metà e togliete i semi, poi tagliatelo a tocchetti o a spicchietti, come preferite. 
  4. Pulite il daikon e tagliatelo a fettine sottili come fareste con un finocchio. 
  5. Spellate l'avocado, togliete il nocciolo e tagliatelo a fettine sottili. 
  6. Pulite il cipollotto e tagliatelo finemente. 
  7. Tritate il cavolo cappuccio e mettetelo in una ciotola per condirlo con zucchero e lime. Lasciate marinare per 10 minuti. 
  8. Adesso componete il vostro poke: mettete sul fondo della ciotola il riso rosso, aggiungete il pomodoro tagliato, il daikon, l'avocado, il cipollotto e il cavolo cappuccio marinato. Condite con salsa tandoori e salsa teryiaki e finite con le polpettine di battuta piemontese. 
SCUOLA DI CUCINA

Impara passo dopo passo con i corsi tenuti dagli chef Saporie

PUNTI D'INTERESSE

Piccoli suggerimenti su dove assaporare l'arte

SCOPRIRE CON SAPORIE