Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Isole Tremiti: un arcipelago da sogno

Se siete alla ricerca di qualche giorno da sogno in un ambiente incontaminato, circondato dai profumi e dai sapori del mare allora le Isole Tremiti sono la meta giusta per voi.
 

SCHEDA ITINERARIO

isole-tremiti-un-arcipelago-da-sogno

Le Isole Tremiti

Se siete alla ricerca di qualche giorno da sogno in un ambiente incontaminato, circondato dai profumi e dai sapori del mare allora le Isole Tremiti sono la meta giusta per voi.
Si tratta di un suggestivo arcipelago della Puglia raggiungibile con aliscafo o elicottero dal Gargano o da Termoli, cittadina del Molise.
Le isole Tremiti sono composte da 2 isole abitate, San Nicola e San Domino, due isolotti disabitati, Capraia e Pianosa e poi due grandi scogli, il Cretaccio e La Vecchia.
Se deciderete di visitarle dimenticatevi l’auto e preparatevi a godere il silenzio, i profumi e i panorami unici di queste terre che non hanno nulla da invidiare alle più note isole esotiche.
Appena metterete piede sull’isola, San Domino o San Nicola, verrete invasi dal profumo di pino d’aleppo e dal silenzio. Le acque limpide e cristalline del mare faranno da richiamo e un piatto di spaghetti con l’aragosta sarà il coronamento perfetto per la vostra prima giornata isolana.
Queste isole sono la meta perfetta per chi ama dedicarsi alle immersioni subacquee e, scendendo con maschera e pinne tra le grotte e i faraglioni, se siete fortunati potrete vedere tra i tanti animali marini anche tartarughe e cavallucci.
Le Isole Tremiti sono perfette anche per qualche giorno di relax senza immersioni o sport avventurosi: potrete semplicemente rilassarvi in una delle tante calette e godervi un tour delle isole in barca che vi consentirà di ammirarle in tutta la loro bellezza e la natura selvaggia.

Cosa fare e dove mangiare a San Domino

San Domino è l’isola più grande dell’arcipelago ed è quella con più servizi per i turisti. È qui che troverete hotel e ristoranti, ma anche locali e discoteche per chi è alla ricerca di vita notturna.
Di giorno l’isola offre panorami unici con splendide cale e grotte: non perdete la cala delle Arene, cala Matano, cala degli Inglesi e cala Tamariello, angoli dell’isola che vi lasceranno senza fiato in qualunque stagione le visitiate.
San Domino è anche ricca di grotte come quella del Bue Marino, delle Viole o delle Rondinelle o la famosa grotta del Sale per chi ama le immersioni.
Tornati a terra godetevi una passeggiata nel verde del boschetto del Diamante, ricchissimo di pini, prima di fermarvi a pranzo in uno dei ristoranti di pesce che vi faranno assaporare tutto il gusto del mare.
Qui il pesce fresco non manca e al ristorante Gabbiano, potrete gustare grigliate di aragoste e scampi, tipica dell’isola, ostriche gratinate, fritture di pesce del Mediterraneo e ottimi primi piatti sempre inevitabilmente di mare.
Una alternativa è il ristorante da Pio in cui poter gustare un’ottima zuppa di pesce, chiamata sull’isola “ciambotta del pescatore”, e altri piatti della cucina tradizionale locale caratterizzata principalmente dai sapori del mare lavorati in modo semplice seguendo i dettami della cucina mediterranea.

Cosa fare e dove mangiare a San Nicola

San Nicola è il luogo in cui potrete respirare la storia delle Isole Tremiti e, percorrendola con una breve passeggiata ve ne renderete subito conto incontrando la sua Fortezza e l’Abbazia di Santa Maria a Mare.
Queste sono le attrazioni principali oltre al torrione del cavaliere del Crocifisso e la misteriosa tomba di Diomede su cui sono sorte tante leggende.
Non mancano le cale e le bellezze regalate dal mare, ma in nessun altro angolo delle Isole Tremiti potrete godere del panorama unico che si staglia davanti ai vostri occhi salendo alla Fortezza.

Per sedervi a tavola vi consigliamo di provare due ristoranti noti dell’isola: il ristorante Architiello conosciuto per la qualità della materia prima lavorato in modo eccellente e poi Da Enrichetta, un ristorante semplice, con una cucina ricercata e originale, senza diventare troppo estremo.
Nel primo potrete gustare i classici spaghetti con le vongole, un piatto che non manca mai nei ristoranti di queste isole, o piatti tipici come riso patate e cozze, mentre nel secondo assaporate ottime tartare di ricciola o di gamberi e altre specialità cucinate ogni giorno in funzione di ciò che offre il mare.

Siete stanchi di mangiare solo pesce? Provate a chiedere le scescille, ovvero polpette di uova, pane e formaggio cotte nel sugo o il pesce fe’jute, una zuppa di verdure e pane raffermo in cui di pesce non c’è traccia.
SCOPRIRE CON SAPORIE