Radicchio rosso di Treviso tardivo Igp

Il radicchio tardivo di Treviso è uno dei prodotti tipici di questa provincia, una zona bella da vedere e buona da gustare. Il radicchio rosso è il padre di tutti i radicchi del Veneto, una delle "cicorie" più prelibate che abbiamo la possibilità di portare in tavola.

Il radicchio tardivo è ancora più pregiato del radicchio rosso precoce, in ragione della complessità di produzione. Secondo il disciplinare di produzione la raccolta dal campo aperto può iniziare solo dopo che le piante abbiano subito due brinate. Una volta raccolto, viene legato in mazzi e posto con il fittone immerso in vasche di acqua di falda a temperatura costante (12-15°C) per la fase di imbianchimento. La temperatura mite dell'acqua favorisce la ripresa del processo vegetazionale, ma l'assenza di luce impedisce alla pianta di produrre clorofilla: da qui il colore tipico e l'ammorbidimento delle note amare della cicoria. Dopo un periodo di forzatura in acqua, che varia dai venti ai quindici giorni, il radicchio rosso di Treviso tardivo IGP è pronto per la toelettatura finale.

Questo tipo di radicchio, con foglie lunghe e affusolate, è famoso per il colore rosso brillante e il sapore dolce-amaro, croccante e piacevole. La radice bollita invece ha un sapore amarognolo, ma possiede un meraviglioso potere depurante per il sangue, così come togliere pure l'acqua dalla bollitura.

Sigla.com - Internet Partner