Cabernet Sauvignon, Friuli Grave DOC

Il Cabernet è originario della Gironda, zona viticola bordolese altamente vocata che si trova tra i fiumi Garonna e Dordogna, a poca distanza dal punto in cui entrambi sfociano nell’Atlantico. Esiste in due sottovarietà: Cabernet Sauvignon, elegantemente fruttato, e Cabernet franc, dal tipico sentore erbaceo. Nella zona d’origine, in unione col Merlot (e a volte con Malbech e Petit Verdot), costituisce il cosiddetto “Taglio bordolese”, base di grandi vini rossi; tuttavia, dà ottimi risultati anche vinificato in purezza in diversi Paesi del vecchio e del nuovo mondo. In Italia è stato importato oltre due secoli fa: nel 1820 era coltivato dal conte Manfredo di Sambuy a Valmagra, presso Marengo, in provincia di Alessandria, e nel 1877 era ufficialmente catalogato alla Reale Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano. E’ un vitigno che si adatta a quasi tutti i terreni, sia di collina che di pianura; perciò si è diffuso in tante regioni, dal nord (Tre Venezie) al centro (Toscana), al sud (Sicilia).
In Friuli si trova in tutte le zone Doc, dal Carso ad Aquileia, dall’Annia a Latisana, ai Colli Orientali, al Collio Goriziano, all’Isonzo e alle Grave. Tra i territori di pianura, quello delle Grave, caratterizzato da una forte presenza di sabbie e ghiaie, è particolarmente adatto.

Vino consigliato:
Borgo dai Morars, il Cabernet Sauvignon Friuli Grave Doc (CONAD) ha colore rubino lucido con sfumature granata; profumo ben pronunciato di confettura di frutti di bosco e di spezie; sapore secco, pieno e caldo, con fondo di frutta matura.
Abbinamenti: carni rosse, alla cacciagione e ai formaggi stagionati
Servizio: 18 °C
 
 

 
 
 

Sigla.com - Internet Partner