Ostriche fritte, grigliate e crude

Ostriche fritte, grigliate e crude
Condividi su facebook share twitter share pinterest share

Ostriche fritte, grigliate o crude? Come cucinare le ostriche per la cena di San Valentino? Perché tutto sia perfetto, sceglile con cura nella tua pescheria di fiducia e preparale in tutti i modi. Con lo chef Stefano De Gregorio impari a cucinare le ostriche sulla griglia, a friggerle e a condirle in modo particolare pur tenendole a crudo.

Ostriche, come sceglierle?

Sembra impossibile riuscire a capire se un'ostrica sia buona o meno. Così, a conchiglia chiusa...come si fa? Invece, ci sono alcuni trucchetti grazie ai quali possiamo capire se un'ostrica è buona o cattiva.
  1. Tanto per cominciare, una ostrica deve essere chiusa, sigillata, bisogna riuscire ad aprirla con le pinze!
  2. Deve essere piatta sopra, ma tonda e bella piena sotto;
  3. Se la conchiglia fa lo stesso rumore dei muri cavi...non prendetela!
Invece, una volta arrivati a casa bisogna notare se:
  1. il mollusco è ben attaccato alla conchiglia
  2. La consistenza delle sue carni è soda
  3. e c'è tanto succo!
Sono tutti segni di alta qualità.

Abbinare le ostriche con la carne? È gourmet! Provale con la tartare di carne: Ostrica, finto caviale al lime, cetriolo e battuta di manzo.



Ingredienti per quattro persone:
  • 12 ostriche
  • ½ scalogno
  • 1 uovo
  • Pane panko
  • 2 cucchiai di aceto di umeboshi
  • 2 cucchiaini di burro
  • 1 scalogno
  • Un mazzettino di erba cipollina
  • Olio di semi di arachidi q.b.
Procedimento per fare le ostriche grigliate, fritte e crude:
  1. Per arrostire le ostriche, prendere una placca da forno, usare del sale grosso per poggiarvi sopra il guscio di due ostriche
  2. Infornare al massimo della temperatura e lasciarli riscaldare per almeno una decina di minuti
  3. Nel frattempo, preparare la marinatura per la seconda ostrica. Tritare finemente lo scalogno e metterlo a marinare in una ciotolina con due cucchiai di aceto di umeboshi. Lasciar riposare per una decina di minuti;
  4. Adesso, passiamo alle ostriche fritte. Aprire l'ostrica e tenere da parte la sua acqua (ricordate? Se ne trovate tanta è un buon segno!) e aggiungerne un paio di cucchiai alla marinatura con l'umeboshi;
  5. Togliere l'ostrica dal guscio, porla su un pezzo di carta assorbente e fare lo stesso con tutte quelle che avrete intenzione di friggere;
  6. Ora, in una piccola ciotolina, rompere un uovo e preparare in un'altra il pane panko per l'impanatura;
  7. Prendere un'ostrica, passarla prima nell'uovo e poi nel pane e far riposare perché si sigilli per bene;
  8. Friggere le ostriche in olio di semi di arachidi (170/180° C) e adagiarle in un piattino;
  9. Ora, tritare finemente un mazzettino di erba cipollina, unire il trito a una noce di burro e mescolare per ammorbidirlo e amalgamare bene il tutto;
  10. A questo punto, tirar fuori la teglia con i gusci bollenti e buttarci velocemente dentro le ostriche perché cuociano con il loro calore;
  11. Aggiungere il burro poco prima mescolato con l'erba cipollina tritata;
  12. La marinatura dovrebbe essere pronta, si può usare per condire le ostriche lasciate crude.

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 15 min . Dosi per: 4 persone . Difficoltà: Media
Sigla.com - Internet Partner