Pinot nero Friuli Grave DOC

Il pinot nero, uno dei vitigni più nobili e preziosi al mondo, è originario della regione francese della Borgogna dove è alla base di alcuni dei vini più importanti che qui vengono prodotti. La diffusione del pinot nero sul territorio italiano, iniziata in gran parte verso la fine dell'800, lo ha visto conquistare ampie zone dell'italia settentrionale, e in particolare una delle aree del nord-est maggiormente vocate alla produzione di vini di alta qualità: stiamo parlando del territorio delle Grave del Friuli Venezia Giulia, una superficie di circa 7.500 ettari compresa fra le province di Pordenone e di Udine.

I terreni di origine alluvionale di questa zona hanno caratteristiche simili a quelli del bordolese in Francia e consentono ai grandi vitigni internazionali di esprimere ai massimi livelli i loro profumi e la loro intensità. Inoltre le brezze che accarezzano i vigneti, mai troppo fredde grazie alla protezione delle Alpi che delimitano a nord la regione, regalano piacevolezza ed eleganza ai vini.

L'aristocratico Pinot nero ha sposato le Grave del Friuli e dal loro matrimonio è nato un vino dagli aromi inconfondibili: frutti rossi, ciliegie, viola,… i profumi che lo contraddistinguono richiamano abbinamenti con primi piatti e carni bianche, ma, nelle versioni più invecchiate, anche carni rosse e formaggi di media stagionatura.
Un vino dal carattere marcato, ma anche molto duttile, il Pinot nero del Friuli sorprende come aperitivo e, ricordate, sprigiona tutta la sua personalità a una temperatura compresa fra i 16 e i 18° C.

Sigla.com - Internet Partner