Tartare di baccalà con crema di carote e arance di Ribera DOP

Tartare di baccalà con crema di carote e arance di Ribera DOP
Condividi su facebook share twitter share google+ share pinterest share

Lo chef Stefano De Gregorio ha pensato alla ricetta della Tartare di baccalà con crema di carote e arance di Ribera DOP, un antipasto di pesce davvero facile da preparare, fresco ma adatto all'inverno con le carote e le arance di stagione, perfetto per aprire un menu di pesce per una cena un po' più ricercata.
Già ti chiedi a quale primo piatto potresti abbinarlo? se vuoi proseguire con il baccalà, ma dargli un sapore completamente diverso, prova la ricetta Paccheri farciti con porri, Grana Padano DOP, baccalà e pomodori secchi. Pesce e frutta come primo abbinamento per l'antipasto, mentre a seguire, per il il primo, pesce e formaggio. Due abbinamenti che ti sorprenderanno perché inusuali, ma davvero azzeccati!

Stefano De Gregorio ha scelto un antipasto con la tartare di pesce, che per te è un colpo sicuro e ti permette di preparare qualcosa di sfizioso senza quasi dover accendere i fornelli!
Il baccalà, poi, sarà anche un pesce norvegese, ma è entrato così a fondo nei piatti della tradizione italiana che di norvegese c'è davvero solo la provenienza.
Dal baccalà alla vicentina al baccalà alla messinese, passando più o meno per tutta Italia, non c'è regione che non abbia una ricetta classica del baccalà.
Chef Deg ha deciso per una ricetta che lo lascia crudo nel suo sapore naturale eccetto una grattugiata di scorza di arancia e limone (ricordati di lavare bene frutta e verdura, soprattutto quando ne usi la scorza); ma il baccalà è semplice da fare anche mantecato con olio extravergine d'oliva, oppure con la polenta, o ancora con i legumi, come nel caso del baccalà con crema di ceci.
 




 

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 10 min . Tempo di preparazione: 20 min . Dosi per: 4 persone . Difficoltà: Bassa . Calorie: Basso . Prezzo: Medio
  1. Per preparare la Tartare di baccalà con crema di carote e arance di Ribera DOP, inizia mettendo a bollire abbondante acqua in una pentola.
  2. Aggiungi il sale all'acqua e metti a lessare le carote.
  3. Adesso, inizia la preparazione della tartare. Prendi il filetto di baccalà che devi aver dissalato (o acquistato già dissalato) e privato delle spine. Taglia il baccalà a listarelle e poi ricavane dei cubetti.
  4. Inizia a condire il baccalà mentre si cuociono le carote, così da dargli tempo di prendere il sapore: aggiungi della buccia di arance e della buccia di limone grattugiate e del succo di limone, pepe e olio extravergine d'oliva.
  5. A questo punto, prendi un'arancia, sbucciala e ricavane la polpa. Tagliala a pezzettoni e mettila nel bicchiere di un mixer.
  6. Nel frattempo, prendi la carotina baby e scottala in una padella antiaderente molto calda con dell'olio e del sale. La userai per completare il piatto più avanti.
  7. Ora prepara una ciotola con dell'acqua fredda, scola le carote e mettile nella ciotola in modo che non perdano il colore e non proseguano la cottura.
  8. Quando si saranno raffreddate, aggiungi le carote alle arance e frulla il tutto aggiungendo dell'olio e passa il composto al setaccio.
  9. A questo punto, hai tutti gli ingredienti necessari e puoi passare all'impiattamento. Prendi un piatto da portata e versa la crema di carote e arance sul fondo del piatto. Appoggia la tartare sulla crema, guarnisci con qualche seme di papavero, aggiungi due chicchi di sale nero, la carotina baby, i rapanelli tagliati a piccoli spicchi, qualche germoglio e il piatto è pronto!

 
Sigla.com - Internet Partner