Ville Venete, il circuito turistico per Expo 2015

10/04/2015

La preparazione della ricotta in uno dei laboratori di Borgoluce

La preparazione della ricotta in uno dei laboratori di Borgoluce

La preparazione della ricotta in uno dei laboratori di Borgoluce

Immerse nella natura, architettonicamente di grande prestigio, ricche di affreschi e di opere d’arte, un tempo micromondi totalmente autosufficienti e, oggi, luoghi affascinanti da visitare e da vivere. Stiamo parlando delle 4.300 residenze censite dall’Associazione Ville Venete, sparse tra Veneto e Friuli Venezia Giulia che sono entrate a far parte di un circuito pensato in occasione di Expo 2015. Visitare queste dimore è un’occasione per vivere un’esperienza multisensoriale; le case, infatti, non sono solo delle meravigliose dimore, ma anche luoghi dove ancora oggi si fa botanica, agricoltura, viticoltura e allevamento; sono posti dove si può pernottare in stanza antiche di centinaia di anni, cenare, assaggiare prodotti tipici.

«Siamo nella Venezia di terraferma, al cospetto di posti in cui nel Quattrocento e nel Cinquecento si praticava quella che era stata definita da Alvise Cornaro, la “sacra agricoltura”», ha detto Alberto Passi, presidente dell’Associazione raccontando alla stampa lo scorso 8 aprile a Milano, i cardini del progetto culturale pensato in collaborazione con la Regione Veneto. In sostanza chi fosse interessato a visitare una, o più di una creandosi un itinerario “su misura”, cosa potrà fare? Basterà consultare il catalogo on line di ville aperte www.villevenetetour.it (che si è aggiudicato il Premio Turismo Cultura Unesco 2014) per riuscire a organizzare il proprio itinerario spaziando da quello strettamente architettonico, al culturale, arrivando fino alle fattorie didattiche; un tempo, infatti, alle ville si univano le case coloniche e molte strutture mantengono ancora questa impostazione. Le fattorie didattiche sono uno strumento per avvicinare adulti e bambini al mondo rurale e per far riscoprire un legame antico con il mondo rurale. Due esempi di fattorie unite alle ville sono Borgoluce, di proprietà della famiglia Collalto e Il filo d’erba, di Maria della Francesca. L’iniziativa è sostenuta anche dal partner commerciale di Ville Venete, ovvero il tour operator Viaggi dell’Elefante.
 
di Elena Caccia

Sigla.com - Internet Partner