Zenzero

Zenzero-Descrizione--9

Noto anche con il nome di ginger, lo zenzero è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Zingiberaceae, originaria dell'Asia Orientale e coltivata nella maggior parte dei Paesi tropicali (Africa, Giamaica, Australia, Isole dell'arcipelago indiano...). All'aspetto lo zenzero si presenta come un tubero di forma piuttosto irregolare, più o meno allungato e bitorzoluto con un colore che varia dai toni del marroncino al giallo pallido. I principi attivi che lo caratterizzano sono i gingeroli (amari e pungenti) insieme ai loro derivati (zingerone e shogaoli) e ai componenti volatili dell'olio essenziali.
In commercio questa spezia si può acquistare in forma di radice fresca o essiccata, ridotta in polvere o in forma di estratto.

Grazie al suo sapore piccante e all'aroma caldo e pungente questa spezia è utilizzata dall'industria alimentare come pregiato aromatizzante - con lo zenzero si produce ad esempio la nota bevanda ginger ale - e in cucina è ideale come condimento di piatti a base di carne, cacciagione e pesce, ma anche per la produzione di liquori, bibite dissetanti, frutta candita, confetture e, nei paesi anglosassoni, per un particolare tipo di birra dal gusto intenso e saporito. Da millenni in India e in Cina lo zenzero viene usato come spezia alimentare, soprattutto in piatti di carne, come condimento o in salse, per la birra e altre bevande fermentate, o per sciroppi e biscotti, oltre che per preparare un curry particolarmente apprezzato dagli indiani. A queste popolazione, d'altronde, sono note da secoli le proprietà antiossidanti dello zenzero sui grassi e altri cibi, che ne facilitano la conservazione.

Nella medicina araba questa spezia dal caratteristico profumo canforato, con sentore di limone e citronella, viene considerata afrodisiaca e diffusa tra vari popoli dell'Alfrica è la credenza che il consumo regolare di zenzero preservi dalle punture di zanzara. Studi recenti hanno confermato le molteplici proprietà mediche di questa radice, ad esempio contro la dispepsia, il mal d'auto, la nausea, il vomito in gravidanza. Lo zenzero si è dimostrato inoltre efficace come antispasmodico, in caso di reumatismi, gastrite e mal di testa; conferme sulle proprietà attribuite allo zenzero dall'uso popolare tradizionale, in particolare sull'effetto antiemetico.

Qualche consiglio. La radice dello zenzero può essere utilizzata sia a fette più o meno sottili che grattugiata in cotture piuttosto rapide. In generale infatti si dovrebbe aggiungere la maggior parte delle spezie e erbe aromatiche nella seconda parte di cottura di qualsiasi alimento, per non più di 15 minuti, pena la perdita di sapore e aroma. Quanto alla conservazione, le radici di zenzero vanno tenute in frigorifero avvolte accuramente nella carta, all'interno del contenitore della verdura. In alternativa è possibile grattugiare tutto e creare una sorta di salsicciotto dentro all'apposita pellicola di cellophane per alimenti da mettere nel congelatore a ghiacciare. Al momento dell'utilizzo si può, quindi, spezzare con le dita un frammento della grandezza desiderata.

Sigla.com - Internet Partner