Esci

Il vigneto sul castello?Angioino!

Preferiti
Condividi
alt
Vigne sui bastioni di un castello? Lo hanno sperimentato in Puglia, nel Salento, al castello Angioino. Ma non si tratta di una novità. In passato i bastioni erano il luogo ideale per gli orti

Nel centro di Copertino, nel cuore del Salento, in Puglia, domina l’imponente castello Angioino. È una costruzione di difesa vicereale, pensata all’epoca delle invasioni turche. Nel 1400 fu residenza di Maria d’Enghien e Raimondello Orsini del Balzo. Nel corso dei secoli, la proprietà del castello, appartenne a svariate famiglie nobili salentine; nel 1885 fu dichiarato monumento nazionale e nel 1956 fu acquistato dal demanio. Da alcuni mesi le cronache hanno rivolto una particolare attenzione a questo  castello, per un fatto del tutto singolare: sui suoi alti bastioni sono comparse delle viti!
Il vigneto sul castello è un’idea dell’enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi e di Francesco Trono, presidente della Cantina Cupertinum e realizzato nella primavera del 2014. Numerose testimonianze storiche dimostrano che la coltivazione di piante sui bastioni di questo castello non è un fatto nuovo. Nell’antichità, le parti più alte del maniero erano spesso trasformate in giardini pensili e coltivazioni di orti, viti e olivi che potevano garantire l’alimentazione degli abitanti in caso di assedio.

Il vigneto attuale è costituito, per il momento, da 200 piante circa, disposte a quinconce, allevate ad alberello pugliese. Il vitigno merita una citazione particolare. Si tratta del Negro Amaro precoce o Negro Amaro cannellino, varietà scoperta negli anni Novanta dagli agronomi Antonio Calò (Presidente dell’Accademia italiana della vite e del vino) e Angelo Costacurta (consigliere dell’Accademia e membro del gruppo esperti Oiv), durante i lavori  di  miglioramento genetico dei vitigni salentini. Nella successiva opera di selezione e propagazione, condotta nelle cantine di Niccolò Coppola a Gallipoli e nelle Agricole Vallone a Galatina che hanno portato all’ottenimento del brevetto vegetale per questa varietà, è stata determinante l’opera competente e appassionata di Mario Petito, allora funzionario dell’Ispettorato di Lecce e per tanti anni Presidente della Cantina Cupertinum.

Il Negro Amaro cannellino è un vitigno con le caratteristiche fondamentali del Negro Amaro, ma rispetto a questo, matura con 2-3 settimane di anticipo; ciò comporta una maggiore ricchezza  in zuccheri e polifenoli delle sue uve e la possibilità di ottenere un’ottima maturazione anche negli ambienti e nelle annate termicamente meno favorevoli. L’intenzione degli ideatori del progetto è quella di produrre, fra qualche anno, un vino di Negro Amaro in purezza da destinare a qualche opera benefica. “Il progetto del vigneto sul Castello “, scrive Francesco Canestrini, Soprintendente ai beni architettonici e paesaggistici di Lecce, Brindisi e Taranto “è importante e innovativo. Ha unito insieme il fatto storico e l’importanza del prodotto simbolo del territorio: il vino. Il vino è un fatto di cultura e in particolar modo il Negro Amaro salentino rappresenta l’essenza del territorio. Si può dire che lo spirito profondo del Salento  è riassunto dal Castello di Copertino e dal suo vigneto”.

 di Angelo Costacurta

alt

Scopri alcune delle nostre ricette

Scopri:

Leggi anche...

Contenuti preferiti