Cipolla Ramata di Montoro

Cipolla Ramata di Montoro-Descrizione--9

La cipolla Ramata di Montoro è coltivata e prodotta da secoli nella zona del Montorese, comune di confine tra la provincia di Avellino e la provincia di Salerno. 
La selezione e la costituzione di questo ecotipo è avvenuta grazie alla intraprendenza e alla laboriosità dei contandini della zona.


Il nome della cipolla Ramata di Montoro deriva dai luminosi riflessi ramati delle tuniche esterne che la ricoprono, dalla forma che va dal globoso a trottola e il globoso tendente al piatto e, infine, dalle sue particolari catafille interne che sono bianche con sfumature longitudinali color viola. 
Originaria della zona di Montoro Inferiore, da qualche anno la coltivazione di questo pregiato bulbo si è diffusa anche in altri comuni della provincia di Avellino e Salerno situati in prossimità dei Monti Picentini.
 La cipolla Ramata di Montoro è inserita negli specifici elenchi del ministero politiche agricole e forestali (elenchi regionali e provinciali dei prodotti agroalimentari tradizionali della regione Campania) dal decreto n.350, 8 settembre 1999, ed è tra i prodotti agroalimentari di riferimento per il comparto ortofrutticolo regionale.
 
Il profumo dolce e delicato della cipolla Ramata di Montoro la fa apprezzare sia cruda che nelle più svariate proposte culinarie. Il suo sapore unico è esaltato particolarmente nelle preparazioni caratterizzate da lunghe cotture grazie a una fibra tenace e resistente che si conserva in tutta la sua fragranza.


Buona con le insalate è straordinaria come base per i risotti, soprattutto di mare, ma raggiunge la sua apoteosi con la tradizionale "genovese", piatto storico della cucina napoletana.

Sigla.com - Internet Partner