Fico d'India dell'Etna Dop

Fico d'India dell'Etna Dop-Descrizione--9

Il fico d'India dell'Etna è un pregiato frutto tipico siciliano che nel 2003 ha ottenuto il riconoscimento della D.O.P.. Si distingue in tre varietà in base al colore della polpa, al sapore e alla consistenza: la Sulfarina (polpa gialla), la Muscaredda (polpa bianca) e la Sanguigna (polpa rossa). Conosciamo meglio questo prodotto con un identikit.

ORIGINI
Originario dell’America centro-meridionale, il fico d’India fu introdotto in Sicilia nel XVI secolo e nei terreni lavici, alle pendici dell’Etna, trovò l’habitat ideale per il proprio sviluppo. Grazie alla sua singolare resistenza il fico d’India è in grado, infatti, di crescere rapidamente anche in suoli aridi e vulcanici come quelli siciliani.

PRODUZIONE
I fichi d'India vengono prodotti nella provincia di Catania, nelle zone alle falde dell'Etna. Tre sono le varietà coltivate sul versante nord occidentale del vulcano: la gialla, la rossa e la bianca. Dai fiori di colore giallo brillante nascono i noti frutti ovoidali, caratterizzati dalla presenza di spine e da una polpa arancione ricca di semi. La coltivazione di questa pianta, che può raggiungere fino a 5 metri di altezza, non richiede particolari effetti, fatta eccezione per i necessari cicli fertilizzanti del terreno. La prima fioritura dei frutti avviene tra maggio e giugno, poi vengono sottoposti alla scozzolatura, una tecnica che permette di eliminare i piccoli frutti acerbi all'inizio della stagione e sollecitare la pianta a una seconda fioritura. La seconda fioritura avviene tra settembre e dicembre e nel dialetto locale i frutti vengono chiamati fioroni.

RACCOLTA
Una volta raccolti - a fine agosto i più precoci, d’autunno le piante a maturazione ritardata - e selezionati in base alla dimensione, i fichi d'india, talora previa despinatura, sono messi sul mercato.

CARATTERISTICHE
I fichi d'India presentano dei frutti a forma ovoidale, hanno una polpa dolce e succosa e delle foglie carnose e spinose chiamate "pale".

PROPRIETÀ
Il fico d'India si distingue dagli altri frutti perchè ricco di fibre e vitamine, in particolare di vitamina C. Non mancano, inoltre, i sali minerali come calcio, fosforo e magnesio. A questo frutto sono riconosciute proprietà diuretiche, astringenti, antinfiammatorie, antiossidanti e gastroprotettive. Insomma, è un toccasana per la salute.

TUTELATO DA...
I fichi d'India dell'Etna sono tutelati dal Consorzio per la tutela del Ficodindia dell’Etna Dop, nato nel 2003 con lo scopo di garantire l'autenticità e la qualità di questo prodotto tipico siciliano e il rispetto del disciplinare di produzione.

DA MANGIARE A...
La stagionalità dei fichi d'India si colloca tra agosto e settembre, periodo in cui raggiungono la perfetta maturazione.
 

Fico d'India dell'Etna Dop-Descrizione--9

UTILIZZO IN CUCINA
Dal sapore dolce e delicatamente zuccherato, i fichi d’India dell’Etna Dop sono ottimi consumati al naturale, ma vengono utilizzati anche per la realizzazione di dolci e creme come la bavarese, il gelo, la mustazzola e la conserva di ficudinnia. Da provare anche in abbinamento a formaggi dal gusto deciso e in molteplici preparazioni alcoliche come rosoli e liquori.

FIERE E SAGRE
Diverse solo le sagre dedicate a questo prelibato frutto. A Roccapalumba (PA) si tiene ogni anno Opuntia Ficus indica Fest, una sagra attraverso la quale il pubblico può conoscere meglio i fichi d'India attraverso degustazioni guidate e laboratori del gusto. A Santa Margherita di Belìce (AG), invece, si svolge Ficodindia Fest, un evento ricco di spettacoli, degustazioni, mostre e visite guidate.

La linea Sapori&Dintorni Conad, da sempre attenta alla tutela delle eccellenze agroalimentari del territorio, annovera questo prodotto tipico siciliano nella gamma della sua ricca offerta. Per maggiori informazioni sul prodotto visitate il sito www.conad.it.

Sigla.com - Internet Partner