Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci
  • 20 minuti
  • 30 minuti
  • 4 pers.
  • Bassa
  • Basso
  • Sicilia

Oggi impariamo come cucinare i peperoni per preparare un antipasto freddo estivo classicissimo, una ricetta con peperoni arrostiti molto saporita e facile da preparare: gli involtini di peperoni alla siciliana. La particolarità della ricetta è la cottura dei peperoni, direttamente sulle fiamme del fornello, e questo fa si che la consistenza della polpa sia soda e carnosa.
Gli ingredienti sono essenziali ma molto saporiti: pangrattato, pecorino, Parmigiano, prezzemolo e abbondante olio extravergine a cui si aggiunge uno spicchio d'aglio tritato se gradito. La ricetta originale degli involtini di peperoni alla siciliana lo prevede, ma si può benissimo farne a meno.

Inoltre, a rendere ancora più sfizioso e saporito il tutto, c'è un po' di aceto bianco, che, oltre a donare la parte acida, contribuisce ad allungare i tempi di conservazione. In ultimo si guarnisce tutto con tocchettini di sedano e il piatto è servito. 
Da servire come antipasto vegetariano o ma anche come contorno, gli involtini di peperoni ripieni si abbinano bene a qualsiasi menù, sia esso di carne o di pesce. Il ripieno è un grande classico della cucina sicilana, una base utilizzata per preparare tantissime spcialità, tra cui gli involtini di spatola e le cotolette alla messinese.

Involtini di peperoni arrostiti, la cottura dei peperoni

Cucinare i peperoni per fare gli involtini si può fare in due modi. Uno, il grande classico, è cuocerli sulle braci roventi, che con il loro calore abbrustoliscono la pelle del peperone velocemente. Dopodiché si procede a fare un passaggio chiave. Per ammorbidire la pelle del peperone, si usa il vapore sprigionato dal peperone stesso, che deve rimanere isolato in un pacchetto di carta come voleva la nonna. Ciò permette di spellare i peperoni molto facilmente e di ammorbidire anche la polpa, che diventa così anche più malleabile.

Cottura peperoni arrostiti, il metodo della nonna

Il metodo casalingo della nonna consiste nel cuocere i peperoni direttamente sulle fiamme del fornello, ma per fare ciò è necessaria una piccola accortezza. Prima di procedere, si ricopre tutto il piano cottura (a parte i fornelli) con la carta stagnola per evitare di sporcare troppo. La fiiamma, direttamente a contatto con il peperone, accellera di molto i tempi e per farlo bisogna fare così:

  1. Lavare i peperoni sotto acqua corrente
  2. Ricoprire il piano cottura con la carta stagnola lasciando soltanto i fornelli scoperti
  3. Accendere il fornello, appoggiarvi i peperoni direttamente i peperoni e cuocerli a fiamma viva fino a che la pelle non diventa nera
  4. Una volta annerita tutta la pelle del peperone, mettete gli stessi ancora caldissimi all'interno di un pacco di carta o all'interno di un recipiente che può trattenere i vapore
  5. Passati 15 minuti la pelle si sarà completamente ammorbidita, quindi, facendo attenzione a non scottarsi, rimuoverla insieme ai semi e ai filamenti bianchi
  6. Una volta tolti tutti gli scarti, passarli velocemente sotto acqua fredda per rimuovere eventuali residui

Dopo aver cotto i peperoni, si passa alla preparazione degli involtini, che è davvero molto semplice. Prima si porzionano i peperoni a fettine, si aggiunge una pallina pressata di ripieno precedentemente preparato e si arrotola. La regola vuole che debbano riposare almeno un paio d'ore perché i sapori abbiano tempo di legare, un po' come la pasta al forno, molto più buona il giorno dopo 

 

COME SI PREPARA?
ingredienti
  • 1 kg di peperoni misti
  • 200 g di pangrattato morbido
  • 60 g di pecorino grattugiato
  • 120 g di Parmigiano grattugiato
  • 80 ml olio extravergine
  • sale
  • pepe
  • prezzemolo
  • aceto bianco
  • 1 costa di sedano tritata
preparazione
  • Intanto ricoprire il piano cottura con la carta stagnola, è necessario per sporcare il meno possibile
  • Per preparare gli involtini di peperoni, inziare a condire il pangrattato con pecorino, parmigiano, prezzemolo, sale, pepe, olio extravergine e mescolare
  • Assaggiare e regolare di sale, se necessario aggiungere una tazzina d'acqua in modo che il pangrattato sia abbastanza umido
  • Poi procedere alla cottura dei peperoni,  quindi lavarli e cuocerli direttamente sulle fiamme dei fornelli: a fiamma viva girandoli solo quando la pelle del peperone si è annerita completamente
  • Dopodiché conservare i peperoni in un recipiente o in un pacchetto di carta in modo che il vapore ammorbidisca pelle e polpa 
  • Ripulire i peperoni: quindi spellare, rimuovere i semini e le parti bianche filamentose
  • Porzionare i peperoni per fare delle fettine dalla forma rettangolare, di circa cinque centimentri da un lato e sette dall'altro
  • A questo punto farcire ogni involtino con una porzione di ripieno pressata, porla al centro e arrotolare
  • Disporre gli involtini su una pirofila, aggiungere del sedano a cubettini, aglio a pezzi grossi e qualche goccia di aceto 
  • Lasciare riposare almeno due ore in frigo  e servire gli involtini di peperoni arrostiti freddi