Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Sott'olii: tre conserve da provare

Funghi, pomodori secchi e melanzane: ecco come fare tre conserve sott’olio che durano a lungo e vengono troppo buone.

Funghi, pomodori secchi e melanzane: ecco come fare tre conserve sott’olio che durano a lungo e vengono troppo buone.

Come fare i finferli sott’olio

Ci sono due metodi per preparare la conserva di funghi sott’olio. Il primo li prevede la cottura dei funghi in padella, il secondo li fa bollire in acqua, aceto e sale. In ogni caso, è molto importante fare attenzione che i funghi siano ricoperti completamente di olio, che i barattoli siano stati sterilizzati, vengano chiusi ermeticamente e siano conservati in un luogo fresco, asciutto e possibilmente oscurato.

Per fare i finferli sott’olio in padella:

  1. Pulite con attenzione i funghi con un panno e un pennello asciutti, tagliate via le parti marce o troppo terrose. L’importante è non bagnarli mai;
  2. Rosolate degli spicchi d’aglio in padella con abbondante olio di oliva;
  3. Aggiungete i funghi e fate cuocere per circa 5 minuti;
  4. Nel frattempo preparate un trito di prezzemolo, peperoncino fresco e basilico. Aggiungetelo in padella e fate cuocere per altri 2 minuti;
  5. A fine cottura, trasferite i funghi nei barattoli sterilizzati e ricopriteli con olio di oliva;
  6. Lasciate riposare i funghi per un mese in un luogo fresco e buio.

Per i funghi sott’olio bolliti:

  1. Riempite una pentola con 1/2l di acqua, 1l aceto e due cucchiaini di sale;
  2. Aggiungete un Kg di funghi ben puliti e fate bollire per 2 minuti;
  3. Poi scolateli, disponeteli su un panno pulito e fateli asciugare;
  4. Dopodiché inseriteli nei barattoli sterilizzati e ricopriteli con olio di oliva e aromi a piacere.

Come fare i pomodori secchi sott’olio

I pomodori secchi sott’olio si possono preparare con i pomodori Sammarzano, una varietà DOP dell’Agro Sarnese Nocerino perfetta per questa preparazione. Per prepararli:

  1. Tagliateli a metà per lungo e sistemateli ordinatamente su una teglia ricoperta di carta forno. 
  2. Aggiungete sale, un pizzico di zucchero, olio d’oliva;
  3. Per farli essiccare velocemente, infornateli a 120° C per circa 10 ore;
  4. Fate raffreddare i pomodori su una griglia;
  5. Nel frattempo sterilizzate vasi e tappi;
  6. Inseriteli nei vasetti disponendoli a strati e aggiungendo l’olio poco a poco;
  7. Non riempite tutto il barattolo, ma lasciate lo spazio per il pressello, la griglia che tiene fermi i pomodori.
  8. Per assicurarsi che non si formino botulino o altre sostanze nocive, dobbiamo procedere con la pastorizzazione del vasetto con il suo contenuto. Per farlo è molto importante seguire le direttive del Ministero della Salute.

Come fare le melanzane sott’olio

Per evitare che le melanzane sott’olio diventino troppo acide, prendetele solo in piena stagione (le melanzane sono una verdura estiva!), poi:

  1. Sbucciatele e tagliatele a fettine e poi a listarelle;
  2. Fatele essiccare al sole per una giornata intera oppure usate il metodo del sale;
  3. A questo punto, fate bollire un mix di acqua e aceto e fate cuocere le melanzane circa 3 minuti; 
  4. Lasciatele raffreddare e strizzatele;
  5. Mentre asciugano, preparate il condimento in una ciotola a parte unendo aglio, olio, menta e peperoncino;
  6. Sterilizzate i vasi e i tappi e poi sistemate le melanzane al loro interno aggiungendo il condimento in modo uniforme.