Bresaola della Valtellina Igp: una merenda sana ed equilibrata

Siete alla ricerca di una merenda saporita e appetibile che assicuri, però, il giusto apporto di energia giornaliero e che contenga anche un trascurabile apporto di grassi? La bresaola della Valtellina Igp è il prodotto che soddisferà le vostre richieste. 

Bambini e adolescenti attraversano un momento della vita in cui il fabbisogno nutrizionale va rispettato per garantire un corretto percorso di crescita, che si traduce in un’aumentata richiesta di proteine, vitamine (dei complessi B, C e D) e sali minerali. Esigenze che si riscontrano anche durante l’adolescenza e che la bresaola della Valtellina Igp è pienamente in grado di soddisfare, nel rispetto delle indicazioni per una corretta ed equilibrata alimentazione della piramide alimentare italiana.

Carlo Pedrolli, nutrizionista dell’U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica all’ospedale Santa Chiara di Trento ci spiega che un panino di 40 grammi, accompagnato a 30 grammi di bresaola della Valtellina Igp, fornisce, per esempio, 158 chilocalorie e permette ai soggetti in crescita di disporre del corretto apporto di proteine, ferro, zinco e vitamine del gruppo B. 

Il salume, nato in provincia di Sondrio e divenuto un’eccellenza della gastronomia italiana nel mondo, è un alimento adatto a diverse occasioni di consumo, in grado di soddisfare le esigenze nutrizionali in ogni fase della vita. Gusto, benessere e tradizione: la bresaola della Valtellina Igp racchiude tutti i valori che oggi i consumatori ricercano sempre con maggior frequenza a tavola. Grazie, infatti, al ridotto apporto calorico (50 grammi assicurano l’introito di 76 chilocalorie) e all’elevato contenuto in proteine ad alto valore biologico e di facile digestione, la bresaola della Valtellina Igp è ritenuto l'ingrediente perfetto e irrinunciabile per una merenda genuina e nutriente.

Anche chi pratica sport, sia a livello amatoriale sia a livello agonistico, richiede un maggior apporto di nutrienti ed è per questo che le proteine nobili, pari al 33,1% dei macronutrienti complessivi del prodotto, sono considerate un quid in più a favore della bresaola della Valtellina Igp. L’adeguata quota di amminoacidi ramificati garantisce un’ulteriore fonte energetica nei momenti di sforzo fisico intenso, infatti, gli amminoacidi ramificati accorciano i tempi di recupero, favoriscono la sintesi proteica e, di conseguenza, l’aumento della massa magra.

Sigla.com - Internet Partner