Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Una frisella sul mare, canzoni, ricordi e ricette da spiaggia

Una simpatica guida da cantate, leggere e consumare per vivere un'estate in compagnia e all'insegna del gusto! In tutte le librerie italiane dal 15 luglio
una-frisella-sul-mare-canzoni-ricordi-e-ricette-da-spiaggia
Lunedì 15 luglio è uscito in tutte le librerie d'Italia, in distribuzione con Messaggerie Libri, Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia (Lupo Editore). Dopo "50 sfumature di fritto. Piccolo Manuale Untologico" la crew gastronomica di Fornelli Indecisi, guidata dal patron del concorso di cucina dozzinale, giornalista ed ex chitarrista di falò Pierpaolo Lala, torna con un libro ideale da cantare, leggere e "consumare" sotto l'ombrellone.

Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia è un’idea a due menti e quattro mani del patron e del giornalista, scrittore e musicista Osvaldo Piliego. Nasce dalla consapevolezza di un assurdo paradosso. in quale posto e in quale stagione si mangiano, fino allo sfinimento, cose pesantissime e dure da digerire? La risposta è drammatica: in spiaggia, d’estate. L’estate, nel Salento, è sinonimo di “stanato”. La traduzione è molto semplice: tegame o teglia da forno in acciaio. Ovviamente può essere anche in altro materiale o usa e getta ma il concetto resta invariato. Anche perché lo stanato ha bisogno sempre, per essere infornato, di un complemento di specificazione. Ossia uno stanato di parmigiana di melanzane, uno stanato di pasta al forno, uno stanato di cannelloni, uno stanato di melanzane ripiene, uno stanato di focaccia, uno stanato di pizza di patate. Lo stanato da solo non esiste.

Ognuno di noi ha molti ricordi “ambientati” in spiaggia, al mare o "sotto" la pineta, legati alla musica (soprattutto quella dei falò, ormai vietati), a luoghi precisi (le spiagge dove abbiamo passato le nostre infanzie ci fanno sempre sorridere e ricordare le partite a racchettoni, le corse pinnate o le prime fidanzatine) e soprattutto alle ricette (perché in spiaggia, comunque, bisogna mangiare). Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia si ispira a tutto questo!

Il libro è diviso, dunque, in tre parti: canzoni, ricordi e ricette. Tra le canzoni, Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia accoglie un piccolo repertorio di brani tipici soprattutto degli anni ’80 e ‘90. Grazie ai ricordi di numerosi giornalisti, foodblogger e scrittori si ripercorre un lungo tratto della costa pugliese da Bari sino alla provincia di Taranto. Non è un censimento ma un viaggio casuale nei ricordi che passa da Cerano, San Cataldo, Torre dell’Orso, Otranto, Santa Maria di Leuca, Ugento, Porto Cesareo, Marina di Pulsano, Torre Ovo e tante altre località. L’ultima parte di Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia è dedicata alle ricette, in rigoroso ordine alfabetico, perché in spiaggia non esiste la differenza tra antipasto, primo, secondo, frutta, dolce. Tutto può essere un pasto unico, perché c’è chi si mantiene leggero dissetandosi magari con una granita o gustando un gelatino, c’è chi invece arriva in spiaggia organizzato come fosse l’ultimo pranzo della sua vita. Le ricette sono recuperate qua e là, rubacchiate on line, suggerite da amici e amiche, tradizione di famiglia o selezionate tra i partecipanti alle precedenti edizioni di Fornelli Indecisi. Circa 200 pagine di note, parole e calorie.

Fornelli Indecisi è un concorso di cucina dozzinale, nato dall’esperienza dell’omonimo gruppo su Facebook. Casalinghe disperate, single buongustai, nonne con la frittura nel sangue, mamme con la polpetta facile, zii con il vizio della crostata, nonni avvezzi alla pasta con le cozze, quelli che dicono “non so chi sia Antonella Clerici”, quelle che pensano che “la Parodi era meglio cotta e mangiata” sono i concorrenti ideali di questo concorso dedicato a tutti. La quarta edizione, anticipata dalle Primarie del Centrotavola, è attesa per la primavera 2014.

Il trentacinquenne leccese Pierpaolo Lala, socio-lavoratore della Cooperativa Coolclub, prova a fare il giornalista sin dalla tenera età. Vive prettamente su Facebook (o retwittandosi da solo) e quando ha tempo a San Cesario di Lecce, dove uccide piante e cerca di sfamare numerosi gatti. Tra il 1995 e il 2001 è stato un grande chitarrista da falò proponendo cover demenziali e inediti tremendi. Da molti anni prova a scrivere un libro sui neologismi della politica. Nel frattempo ha ideato Fornelli Indecisi e ha pubblicato due libri di ricette (di altri). Prima di entrare in acqua aspetta almeno quattro ore anche se ha mangiato solo una fetta di melone (cosa che non accade dal 1989). Dal 2012 è considerato un frittologo e un po' si vergogna.
SCOPRIRE CON SAPORIE