Spaghetti al nero di seppia con yuzu e bottarga

Spaghetti al nero di seppia con yuzu e bottarga
Condividi su facebook share twitter share google+ share pinterest share

Un piatto di pasta può facilmente diventare una ricetta gourmet, se si scelgono gli ingredienti giusti. Ve lo insegna lo chef Stefano De Gregorio, con la ricetta degli spaghetti al nero di seppia con yuzu e bottarga, un piatto facile da rifare a casa. Bisognerà, infatti, semplicemente cuocere la pasta, preparare nel frattempo una crema a crudo con il frullatore, mantecare la pasta con la crema e servire guarnendo con il nero di seppia.
Ingredienti che fanno viaggiare verso il Giappone, come il miso e lo yuzu, e altri che portano in viaggio per la Sicilia, come la bottarga, la colatura di alici e il nero di seppia. Convinti? Allora iniziamo.

Ingredienti per quattro persone:

  • 280 g di spaghetti
  • 70 g di miso bianco
  • 12 g di bottarga di muggine
  • 14 g di yuzu o di succo di lime
  • 28 g di olio extravergine di oliva
  • pepe (se possibile, pepe cumeo del Nepal)
  • 1 cucchiaio di colatura di alici
  • polvere di nero di seppia q.b.
Procedimento per gli spaghetti al nero di seppia:
  1. Cuocere gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua bollente con poco o niente sale (il condimento sarà molto salato);
  2. Nel frattempo, mescolare in una ciotolina lo yuzu (o il succo di lime), il miso bianco, la bottarga, 4 gocce di colatura di alici, l'olio e un poco di acqua di cottura della pasta. Frullare fino a ottenere una crema omogenea;
  3. A questo punto, scolare la pasta in una ciotola;
  4. Aggiungere la crema alla pasta e amalgamare con cura
  5. Porre alla base del piatto di servizio gli spaghetti
  6. Ultimare con polvere di nero di seppia e qualche germoglio decorativo

Come fare la polvere di nero di seppia a casa

La polvere di nero di seppia si può comprare, oppure si può preparare a casa. Come?
Basta comprare delle seppie, lavarle accuratamente staccando la sacca del nero facendo molta attenzione a non romperla.
Dopodiché, bisogna prendere la sacca con il nero di seppia e porla delicatamente su una teglia ricoperta di carta da forno.
A questo punto, la si dovrà cuocere per qualche ora in forno statico a una temperatura di circa 70/90° C.
In questo modo, il nero di seppia si seccherà e, una volta tirato fuori dal forno, non resterà che frullare per polverizzare ciò che si è solidificato.

Cos'è lo yuzu?

Lo yuzu, di moda perché non solo buono in cucina ma anche bello da vedere, è una pianta di origine giapponese che produce degli agrumi piccoli, tondi e gialli molto simili ai nostri mandarini. La particolarità di questi frutti? Non si sbucciano, si mangiano con tutta la buccia, proprio come i limoni di Rocca Imperiale.
Lo yuzu può essere utilizzato al posto del lime o del limone per preparare gustose marinature, per insaporire la salsa di soia e preparare una sorta di salsa ponzu o per insaporire secondi piatti a base di pesce come nella ricetta del tataki di tonno con maionese di pomodoro e aria di wasabi.

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 15 min . Tempo di preparazione: 20 min . Dosi per: 4 persone . Difficoltà: Bassa
Sigla.com - Internet Partner