Esci

Tartare di gamberi rossi e tartufo bianco

  • 10 min
  • 4 pers.
  • Bassa

Tartare di gamberi rossi, tartufo bianco e uova di aringa: tre ingredienti nobili in un antipasto che non ha bisogno di grosse presentazioni. Si tratta di una ricetta perfetta per una cena romantica in quanto è molto semplice da preparare, sono gli ingredienti di prima qualità a fare la differenza. Il risultato è una tartare di gamberi molto equilibrata, con la sapidità delle uova di aringa, la dolcezza dei gamberi e il gusto particolare del tartufo, tre sapori esaltati alla perfezione da un semplice olio al sedano emulsionato che condisce e lega il sapore dei componenti del piatto. 

Come fare la tartare di gamberi

Come tutte le tartare, anche quella di gamberi ha bisogno di qualche piccolo accorgimento. Innanzitutto la temperatura del gambero deve essere fredda, ancor di più in estate. Sarebbe meglio prepararla cinque minuti prima di consumarla e riporla in frigo a raffreddare. Una tartare tiepida non è mai piaciuta a nessuno. E poi il gambero, così come il pesce, pochissimo meno la carne, con le temperature alte deperisce. Ecco perchè bisogna consumarli subito. Togliere sempre l'intestino dal gamber, lavorare con un coltello affilato e raffreddato in freezer, condire solo prima di servire per fare in modo che si sentano tutti gli ingredienti e non risulti una tartare marinata. La grana deve essere fine, circa 2 mm per ogni lato del cubetto di gambero.

Ricette per la tua cena romantica

Tonno scottato, foie gras e salsa di ciliegie

Rosso, dolce con barbabietola, fragole e lamponi

Cuore d'oro ripieno di crema al cioccolato fondente

Riso con gamberi rossi di Mazara e mozzarella di bufala

 

 

Ricetta tartare di gamberi rossi
ingredienti
  • 24 gamberi rossi di Mazara 
  • 2 foglie di shiso 
  • 4 coste di sedano 
  • buccia di un limone 
  • olio per frittura 
  • olio extravergine 
  • sale 
  • pepe 
  • tartufo bianco q.b.
Procedimento


1) Friggere le foglie di shiso in padella e farle raffreddare

2) Pulire i gamberi: via testa e intestino e poi lavorarli al coltello per ottenere la tartare

3) Preparare un centrifugato di sedano ed emulsionarlo con olio extravergine e poco sale

4) Condire i gamberi con l'emulsione e impiattare con le foglie di shiso, le uova di aringa e il tartufo bianco.

Contenuti preferiti