Anguria piccante con gamberi rossi del Cilento e foie gras

Anguria piccante con gamberi rossi del Cilento e foie gras
Condividi su facebook share twitter share google+ share pinterest share

Tre ingredienti scomposti, tre contrasti di sapore, tre diverse temperature: questo il perfetto equilibrio dell'anguria piccante con gamberi rossi del Cilento e foie gras. Il gelo regalato da un'anguria fredda e piccante fa subito da contrasto con il calore rovente di un gambero rosso di qualità, profumato al mirto di Sardegna. Nel mezzo a fare da paciere tra due estremizzazioni di temperature e sapori, c'è uno dei prodotti più nobili nell'alta cucina, un foie gras di anatra mulard francese.

Dettagli ricetta

. Tempo di cottura: 5 min . Tempo di preparazione: 20 min . Dosi per: 4 persone . Difficoltà: Media . Calorie: Medio . Prezzo: Alto

Intolleranze

Senza glutine Senza glutine
Senza frutta secca Senza frutta secca
Senza lattosio Senza lattosio
Senza uova Senza uova
Per l'anguria piccante:
  • 250 g di anguria fresca
  • 1 cucchiaino di essenza di jalapenos in gocce
  • un pizzico di sale marino affumicato di Danimarca
per i gamberi rossi roventi al mirto:
  • 20 gamberi rossi del Cilento
  • 4-5 grammi di mirto disidratato di Sardegna
  • 1 cucchiaino di olio extravergine al Mirto
  • pepe rosso di Sichuan
per il foie gras tipiedo:
  • 50 g di foie gras di anatra mulard
per la decorazione:
  • circa 7-8 semi di cardamomo
  • circa 20 semi di zucca
  • foglie e fiori di mirto
  1. Tagliare tre fette di anguria molto spesse, in modo da ricavare con un coppa pasta quadrato dei quadrotti precisi e della medesima dimensione. Riporre i quadrati di anguria nel congelatore per circa 15 minuti ed estrarli solo qualche minuto prima di servire.
  2. Mettere sul fuoco una padella in pietra, quando sarà rovente, grigliare qualche istante i gamberi, in precedenza marinato e aromatizzato con il mirto disidratato e l'olio extravergine al mirto. Condire subito i gamberi con il pepe nero.
  3. Grigliare alla plancia il foie gras tagliato a quadratini e lasciarlo intiepdire. Aprire i semi di cardamomo, tostare i semi di zucca qualche istante, aggiungere il cardamomo e formare un miscuglio unico.
  4. Salare l'anguria e condirla con le gocce di jalapenos. Su un vassoio di ardesia realizzare in diversi punti del piatto l'unione dei tre elementi, inserendo il gambero in mezzo, sorretto dall'anguria e dal foie gras, quasi a invitare il commensale al triplo assaggio, ma rigorosamente uno per volta.
  5. Decorare infine il piatto con il mirto, le foglie di mirto, il cardamomo e i semi di zucca croccanti.
Sigla.com - Internet Partner