Segreti in cucina: i trucchi che ti semplificano la vita

Non tutti sono esperti in cucina e spesso non è soltanto la pigrizia che ci allontana dai fornelli e avvicina all'app di consegne a domicilio sulla quale ordineremo l'ennesimo hamburger con patatine fritte. Cucinare a casa non è solo più sano, è anche più economico e divertente. I risultati li giudica il palato, ma spesso, anche se non viene fuori esattamente quello che ci si aspettava mentre si preparavano gli ingredienti, poco importa: cucinare è rilassante e per farlo correttamente basta conoscere qualche trucchetto, di quelli che ti semplificano la vita, che evitano gli sprechi e ti fanno ringraziare il te del passato per essere stato tanto previdente oggi che piove e il frigo è vuoto...ma il freezer no!

Recuperare il cibo e farlo durare più a lungo

Frutta e verdura fresche più a lungo - per mantenere frutta e verdura fresche più a lungo è necessario, innanzitutto, togliere il prodotto dalla confezione per vedere se ci sono parti già rovinate. Una sola fragola andata a male rovina un intero cestino ed è un vero peccato. Anche se istintivamente verrebbe naturale, non bisogna lavare niente a meno che non si abbia la tentazione di consumare subito, altrimenti deperisce più in fretta. Per riporre in frigo i prodotti, usa un sacchetto di carta e poi ancora uno di plastica. Riponi le verdure nel ripiano basso del frigorifero. Così si guadagna una settimana. In particolare, per le banane, fai attenzione a mantenere integro il casco e non metterle in frigorifero, altrimenti anneriscono.
E se frutta e verdura sono diventate troppo morbide? - Niente paura: basta metterle in una ciotola con acqua fredda e ghiaccio per qualche minuto e tutto torna sodo e brillante. Funziona soprattutto con cetrioli e carote.
Si sono induriti i biscotti? - Trasferiscili in un barattolo e aggiungi una fetta di pane a cassetta. Il giorno dopo saranno tornati morbidi.
Se ti si è indurito troppo il pane - La soluzione più semplice è trasformarlo in pan grattato pronto da usare per ogni evenienza. Però, se si vuole recuperare il pane raffermo, bisogna spennellarlo con dell'acqua e metterlo in forno per qualche minuto. Tornerà morbido e soffice.

Se, al contrario, si vorrebbe far maturare più velocemente un prodotto - Mettilo in una sacchetto di carta insieme a una mela. Maturerà motlo più velocemente!

Uova

Come cucinarle - Non hai tempo si contare sei o otto minuti dal bollore? La mattina non se ne parla di mettersi a cucinare, ma l'ouovo sodo è chiaramente una delle soluzioni più semplici che ci siano quando si tratta di pranzi al sacco e schiscette da ufficio. Se vuoi poterti dimenticare dell'ovetto senza mandare a fuoco la casa, fai così: fai scaldare dell'acqua in un pentolino. Quando bollirà, metti l'uovo a cuocere e spegni il fornello. Lascia pure l'uovo nell'acqua tutta la notte e la mattina dopo recuperalo. L'uovo si sarà rassodato e sarà rimasto bello rosso dentro e bianco fuori.
Come capire se sono andate a male - facilissimo: mettile in un bicchiere di acqua e osservale galleggiare. Se vanno a fondo sono ancora buone, se restano a mezz'acqua sono da consumare velocemente, se galleggiano è meglio evitare.

Le scorte

Il pacco da giù non arriva a tutti. I pochi fortunati possono rifarsi alle regole su come riporre il cibo in modo da farlo durare più a lungo. Gli altri devono arrangiarsi e rassegnarsi a preparare qualche scorta da mettere nel freezer e poter scongelare all'evenienza.
I sughi per la pasta - Oggettivamente, non si può preparare il ragù senza metterne da parte qualche vasetto da scongelare nei momenti di bisogno, a prescindere da quale versione abbiate deciso di cucinare; ma sulla conservazione del cibo non si scherza. Per farlo correttamente, però, bisogna stare attenti a lasciarlo raffreddare il più possibile prima di metterlo nel freezer. Oramai le macchine che mettono sottovuoto i cibi si trovano ovunque a prezzi modici, ma comunque ti bastano anche un contenitore di plastica o di vetro a chiusura ermetica. Quando deciderai di scongelare il ragù, ricordati che dopo è necessario consumarlo subito e non può essere lasciato in frigo per due o tre giorni, come invece puoi fare se il ragù è fresco.
La carne - Anziché comprare carne fresca e congelarla per poi doversi ricordare di tirarla fuori dal freezer la mattina per la sera, dimenticarselo per sei mesi di fila e farla andare a male; provate fare così: preparate delle gustose polpette classiche. Le friggete per qualche minuto in olio di semi di arachidi ma senza completare la cottura. Dopodiché, le lasciate raffreddare e le sporzionate in sacchettini fatti apposta per conservare gli alimenti in freezer. Quando vorrete mangiarle, vi basterà disporre su una teglia ricoperta di carta da forno le polpettine ancora congelate e metterle a cuocere a 220° C per una ventina di minuti o poco più. Così, non dovrete ricordarvi di scongelare per tempo la carne, dato che comunque ve lo sareste dimenticati.
Il trito - Preparare il trito di verdure con cui fare i soffritti è cosa lunga. Si piange per la cipolla, ci si riempie di scarti di carote e sedano di cui non si sa che fare e si impiega un sacco di tempo. Tanto vale farlo una volta per tutte e, anche lì, sporzionare il trito in dei sacchettini da freezer per poterlo usare tutte le volte che si vuole senza neanche scongelarlo. In questo modo, gli scarti delle verdure saranno consistenti e potranno essere usati per preparare gustosi brodi vegetali con cui cuocere i risotti o frullati (da setacciare) leggerissimi ma nutrienti.

La pulizia della cucina

Il frigorifero si sporca continuamente? - rivesti i cassetti della verdura con della carta assorbente. Manterranno l'ambiente più secco e ti permetteranno di raccogliere meglio lo sporco che si accumula soprattutto quando si ripongonole verdure sfuse nel frigo.
Come lavare il tagliere di legno? - con gocce di limone e sale grosso. Strofina con le mani sotto acqua corrente.
Hai trovato le farfalline nella dispensa? - dissemina delle foglie di alloro sui ripiani e, soprattutto, usa quegli adesivi che si attaccano sulle ante all'interno dello scaffale.

Gli avanzi e gli scarti

Le bucce - Con la buccia delle patate si possono creare infusi e tisane adatti a combattere la ritenzione idrica. Invece, per un'idea più sfiziosa, puoi fare con le bucce di patata delle gustosissime chips al forno: ti basterà oleare bene le bucce, condirle con sale e pepe e metterle su una teglia ricoperta di carta da forno. 20 minuti a 160/170° e saranno pronte.
Il lesso - è avanzanto il lesso? Si preparano i mondeghili, polpettine tipiche milanesi che si preparano con la carne già lessata e sono un perfetto esempio di cucina del recupero.
La pasta - chiaramente, non c'è cosa migliore che si possa fare con la pasta avanzanta se non quello di traformarla in una enorme e giottesca frittata di maccheroni.
Il riso - Il riso avanzano può essere allungato con dell'acqua o del brodo e frullato per farci delle cialde di riso croccante. Una volta frullato, prendi una spatola di gomma e usala per stendere il riso su di una teglia ricoperta di carta da forno. Mettile a cuocere e tirale fuori quando si saranno essiccate. Avrai delle gustose e croccanti cialde con cui potrai decorare tutti i piatti che vorrai.
 

Sigla.com - Internet Partner