Esci

7 arnesi che in cucina non devono assolutamente mancare

Preferiti
Condividi
alt

Ecco gli utensili che in una cucina gourmet che non devono assolutamente mancare: dal semplice cucchiaio di legno allo spelucchino, tutti i motivi per utilizzarli.



Dimmi che attrezzi hai in cucina e ti dirò che chef sei.
La cucina è un luogo dove inventare nuovi piatti, passarsi il tempo e far gustare le proprie creazioni agli ospiti. Per creare, oltre a fantasia e passione, in cucina ci vogliono gli attrezzi giusti. D'altronde. un Michelangelo senza scalpelli di varie misure, non sarebbe stato lo stesso artista. Ogni lavoro in cucina ha il suo arnese, dopo i classici pelapatate, tagliere e pentole giuste che sono alla base della cucina, ecco gli utensili che non devono assolutamente mancare:

 

 

 

 

Coltello spelucchino

Se ami la cucina, questo è un arnese che te la farà amare ancor di più. Lo spelucchino, chiamato anche sgobbino, è quello che ti facilita la vita quando devi mondare lo spicchio d'aglio e, in quanto alle verdure, ottieni un taglio preciso facendo uno sforzo minimo. Pratico, maneggevole ed essenziale, lo scortichino è il primo investimento da fare in termini di coltelli in cucina. Costa poco e la sua presenza in cucina si fa notare.

Leccarda o spatola in silicone

Prima della sua invenzione era un continuo spreco, stiamo parlando della spatola in silicone: pulisce perfettamente le pentole, le ciotole e le teglie lasciandovi all'interno un residuo di cibo pari a zero.  Si, un po' si rimpiangono i tempi di quando trasferendo il ragù dalla pentola al contenitore, si pulivano i residui col pane caldo, ma si risparmia qualche caloria.
La leccarda è maneggevole ed ergonomica, ha il bordo flessibile disegnato appositamente per raggiungere tutti gli angoli e le parti arrotondate di tutti i recipienti. Si renderà talmente necessaria per ogni operazione, che ne porterete una dietro per ogni evenienza.

Colino o setaccio

Il colino a maglia stretta è un utensile indispensabile in cucina. È quello che ti fa affermare: oh mamma com'è liscia questa crema! Serve a filtrare creme, besciamelle e salse in genere da eventuali grumi nella sua versione rotonda. Brodi, liquori e preparati liquidi in genere, vengono invece filtrati con la versione conica, lo chinois, il colino cinese. 

Frullatore

Il frullatore è l'arnese della cucina moderna, è quello che ti permette di giocare con le consistenze nel piatto. Per fare una crema di pane o delle polveri di aromi, per preparare un pesto in cinque minuti o semplicemente per emulsionare una salsa, il frullatore ti facilita la vita. La scelta in questo caso deve essere per un prodotto di qualità, meglio se multi funzione con i vari accessori che prima o poi serviranno tutti. 

Cucchiao di legno

Nella dote delle figlie femmine era un immancabile, è il cucchiaio di legno, uno strumento antico ma sempre in voga. Serve a mescolare gli ingredienti all'interno della pentola senza che questa si graffi. La tradizione vuole che il profumo del legno utilizzato (spesso di erbe aromatiche) passi agli alimenti rendendoli più saporiti. Non lavarlo mai con il sapone dei piatti perché il legno è come una spugna e pertanto assorbe anche le sostanze nocive contenute nei detersivi. Piuttosto è meglio lavarlo con limone e bicarbonato che sciolgono i grassi e in più disinfettano. 

Centrifuga per asciugare le insalate

Se hai l'abitudine di comprare le insalate imbustate, forse non ricordi il sapore delle insalate appena tagliate. Oltre a essere più sane e gustose, le insalate fresche costano meno, quindi l'investimento di venti euro per acquistare l'asciuga insalate si ripagherà presto da solo. La centrifuga per asciugare l'insalata è un investimento in salute ed è molto pratica. In pochi giri di manopola si aziona la centrifuga e l'insalata è asciutta come quelle imbustate. 

Termometro da cucina

La tecnologia in cucina permette di ottenere piatti più buoni ma anche nutrizionalmente più sani. È questo il caso del termometro che ti permette di sapere esattamente quando un alimento è cotto al punto giusto. Per preparare un filetto al sangue per esempio, la temperatura al cuore della carne deve essere di 53°C,  e, ammenoché non siate maestri della griglia, non è facile riconoscere il grado di cottura. Banalmente, anche una frittura con la temperatura calibrata risulterà più dorata e croccante e nel caso di un arrosto, il termometro sarà di grande aiuto per ottenere una carne morbida, succosa ma anche cotta! 



alt

Scopri alcune delle nostre ricette

Scopri:

Leggi anche...

Contenuti preferiti