Campionati Mondiali di Pasticceria. Conversazione con la Nazionale

28/09/2015

Campionati Mondiali di Pasticceria. Conversazione con la Nazionale

Appassionati, determinati e di un’umiltà sconcertante. Sono i ragazzi della Nazionale Italiana che si preparano ai Campionati Mondiali di Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria, in arrivo a Host Milano il prossimo 24 e 25 ottobre 2015. Li abbiamo incontrati allo show room Angelo Po, in occasione di un’anteprima riservata alla stampa, per scoprire l’atmosfera che si respira dietro le quinte di un così importante appuntamento e discutere sul nuovo scenario della pasticceria internazionale.
 
«Come Federazione Internazionale Pasticceria – racconta Roberto Lestani, presidente FIP – siamo davvero orgogliosi di ospitare a Fiera Milano, una fiera che parla al mondo, un evento così ambizioso. In gara per i Campionati di pasticceria e cake design ci saranno talenti di 16 diverse nazioni provenienti da 4 continenti». Oltre all’Italia, tra le squadre europee ad essersi qualificate troviamo Francia, Grecia, Spagna, Turchia, Austria, Polonia e Romania. Dall’Asia arrivano invece Giappone, Thailandia e gli Emirati Arabi; dall’Africa spiccano Algeria e Tunisia, mentre dal Sudamerica spiccano le squadre del Cile, Perù e Messico. Se un tempo, del resto, ci spiega l’associazione, c’erano alcune nazioni come la Francia che avevano un primato indiscusso nella pasticceria, attualmente, anche a causa della globalizzazione, i Paesi emergenti sono agguerriti e preparati ed è sempre più difficile fare previsioni. Di squadre forti, insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta.
 
Come ci si prepara quindi a un palcoscenico così impegnativo come quello dei Campionati Mondiali? «Gli allenamenti, serrati e faticosi, – spiega Rossano Vinciarelli, coach della Nazionale – sono fondamentali per creare un gruppo coeso e per studiare le strutture alla base dei dolci portati in gara. Come italiani abbiamo dalla nostra la bravura nella prova di degustazione e l’equilibrio nei sapori, ma bisogna calcolare alla perfezione i tempi ristretti. Che vada storto qualcosa in un Campionato è normale, è essenziale però non perdere il controllo».
 
Partecipare a un Campionato Mondiale rappresenta d’altronde una scelta di grande responsabilità e sacrificio: «La parte più complicata della gara – confessa Diego Mascia, uno dei tre membri della Nazionale insieme a Paul Occhipinti e Antonino Bondì – non è il giorno della competizione, ma sono gli allenamenti. Per arrivare a far parte di una squadra nazionale bisogna fare tante rinunce, è un percorso lungo, non facile da conciliare con un’attività lavorativa. È un impegno molto stressante, non si può prenderlo certo tutti gli anni».

A capitanare la Nazionale di pasticceria, cioccolateria e gelateria saranno i team manager Cristian Beduschi e Rossano Vinciarelli, rinomati pasticcieri conosciuti a livello internazionale. Per il Campionato Mondiale di Cake Design, che avrà come rappresentante la pugliese Serena Sardone, il mentore sarà invece Christian Giardina, uno dei maggiori professionisti del settore.

di Alessandra Cioccarelli

News, News

Sigla.com - Internet Partner