Il punto sulla pesca. Tonno, merluzzo, sgombro, aringa e acciuga i più mangiati

13/05/2015

Il punto sulla pesca. Tonno, merluzzo, sgombro, aringa e acciuga i più mangiati

Tonno, merluzzo, sgombro, aringa e acciuga sono i pesci più pescati nel mondo. 91 milioni di tonnellate il pesce pescato nel 2012 (-2,6% rispetto all’anno precedente) e 66 milioni di tonnellate quello allevato nel medesimo anno (+6,1% rispetto al 2011). La flotta mondiale di pescherecci si attesta a 4,7 milioni di unità, il 68% delle quali in Asia: il 57% ha un motore e il 79% è lungo meno di dodici metri.

La pesca su larga scala impiega circa 1 – 2 milioni di pescatori, contro gli oltre 12 milioni impiegati nella piccola pesca. Le catture annuali per consumo umano sono di circa 30 milioni di tonnellate per entrambe le metodologie di pesca, mentre le catture annuali per farine di pesce e oli (31 milioni di tonnellate per la pesca su larga scala) sono praticamente nulle per la piccola pesca. L’86% del pescato è usato per l’alimentazione umana, il 46% del quale viene consumato fresco e il 37% viene esportato. Diciannove Paesi hanno coperto il 75% della pesca globale, tra questi Cina, India, Indonesia, Perù e Stati Uniti. Il consumo annuo di olio combustibile è stimato in circa 37 milioni di tonnellate per la pesca su larga scala e 5 milioni di tonnellate per la piccola pesca; la cattura per tonnellate di carburante consumato si attesta rispettivamente a 1 – 2 tonnellate e a 4 – 8 tonnellate. Il pesce e le altre forme di vita rigettate in mare dalla piccola pesca sono quasi nulle, sono invece 8 – 20 milioni di tonnellate quelle rigettate dalla pesca su larga scala.

Questi gli ultimi dati a disposizione sulla pesca citati da La Repubblica del 12 maggio, in cui si evidenzia come le reti a strascico utilizzate dalle flotte industriali siano responsabili dello spreco di 7,3 milioni di tonnellate di pescato.

Tag: pesca pesce

Sigla.com - Internet Partner