Ricette Preferite Profilo Cambia la password Cambia l'Email Esci

Le zuppe di Marco Sacco in un libro

Il terzo libro della collana Mono, Zuppe, dell'affermato chef Marco Sacco, vi lascerà senza parole. Scoprite i mille modi in cui si declinano le zuppe e non ne farete più a meno
le-zuppe-di-marco-sacco-in-un-libro
La sera di lunedì 19 novembre 2012 presso il ristorante Unico di Fabio Baldassarre è stato presentato il nuovo libro della collana Mono: Zuppe di Marco Sacco, editore Reed Gourmet. È il terzo volume dopo il successo di Pasta e Riso. Allo chef del ristorante stellato Piccolo Lago, Marco Sacco, è stato dato il compito di immaginare, realizzare e scrivere oltre 100 ricette di zuppe. Compito che lo chef ha portato a compimento egregiamente, riuscendo a creare piatti originali, utilizzando diversi metodi di cottura e i prodotti di stagione. Le ricette sono divise per la stagionalità e Marco Sacco ha concepito una serie di menu semplicemente a base di zuppe, dall'antipasto al dolce. La zuppa è un piatto della tradizione italiana che va esplorato e reintrodotto nell'alimentazione di tutti i giorni, la sua texture morbida permette di assaporare al meglio i sapori che caratterizzano il piatto e sono infinite le combinazioni che si possono realizzare.

Marco Sacco è stato onorato di venire ospitato nel magnifico ristorante al 20° piano del World Join Center dal collega e amico stellato Fabio Baldassarre, un lussuoso avamposto dal quale osservare Milano in tutta la sua bellezza. Ed è sulla soglia della cucina a vista che Marco Sacco ci accoglie, un po' timidamente, per presentarci il suo libro, alle sue spalle la squadra che lo aiuta a gestire il ristorante Piccolo Lago a Verbania, sulle sponde del lago Mergozzo, in Piemonte. Un ristorante che Marco ha nel cuore, che l'ha visto nascere e crescere come cuoco fino a ottenere nel 2004 la prima stella Michelin e poi nel 2007 la seconda. Piccolo Lago è di proprietà della famiglia sacco dal 1974 e da allora sono stati il recupero delle tradizioni e la commistione con i prodotti del territorio, il pesce di lago, i prodotti delle valli e degli alpeggi, dei boschi a farlo crescere e amare. È una cucina che ha a disposizione materie prime differenti, una natura varia, ma che va aiutata a esprimere al meglio le sue potenzialità. Un aiuto che si esprime sotto forma di ricerca, parola che definisce al meglio il lavoro dello chef e della sua brigata.

La ricerca, lo studio degli alimenti, degli abbinamenti, la rielaborazione sono alla base anche del libro Zuppe. Una sperimentazione che supera i confini italiani per esplorare la cucina internazionale. È soprattutto la cucina asiatica ad aver maggiormente attirato lo chef Marco Sacco e che costituiva un mistero prima della stesura del libro. La crescita e la sperimentazione sono anche i punti fermi della filosofia dell'editore Reed Gourmet che attraverso i suoi libri vuol far crescere la cucina d'autore e i suoi seguaci.

Le oltre cento ricette di Zuppe, nelle 266 pagine del volume, sono artisticamente fotografate da Paolo Picciotto, arte gastronomica e fotografica si sono incontrate per creare un prodotto di alto livello che stimola la vista e il gusto.

L'elemento primario da cui è partita la ricerca di Marco Sacco è l'acqua, l'acqua del lago di Mergozzo, l'acqua che solcava quando praticava windsurf, nuoto e canoa, le acque minerali della Val d'Ossola, le fonti di Crodo e Bognanco. Ed è l'acqua l'ingrediente base per cucinare una zuppa, che acquisisce sapore trattata con le diverse tecniche di infusione, che lo chef illustra nel libro. Scrive Marco Sacco: “per elaborare il concetto di “zuppa” bisogna partire dal concetto di “infusione”: ovvero di acqua trattata e arricchita di sentori, colori e gusti. Le basi delle nostre zuppe di fondano su questo, insaporire: concentrare un aroma o un profumo in acqua”. Le tecniche sono molte e sapientemente espresse dallo chef: le infusioni a caldo, in vaso, il sottovuoto, la bollitura, il vapore, sotto pressione, infusi alle verdure, infusi delle carni, infusioni di pesci, infusioni al formaggio, infusioni alla frutta, infusioni di fiori, aromi e spezie. Alcune tecniche sono semplici e realizzabili senza problemi a casa, altre sono più complesse e richiedono maggiore pazienza. La fretta è controproducente anche in cucina e soprattutto nella preparazione di zuppe.

Dopo le tecniche di infusione iniziano le prime ricette, le ricette di primavera, con tante verdure, prodotti delle valli, dei laghi e alpeggi, miele e contaminazioni orientali. Tra gli antipasti eccezionale la crema di tarassaco con miele di acacia e il suo fiore, tra i primi crema di riso Venere, seppie e finocchio candito, tra i secondi schiuma di cocco, capesante, triglia e giardino di Cress e dulcis in fundo la zuppetta di fragole e ravioli al cacao.

L'estate porta con sè un profumo e un sapore esotico con pesce, frutta estiva, patate di Val d'Ossola, latte e formaggi di capra. Non manca il gazpacho nella versione Sacco, da provare la bruschetta liquida e l'acquario: brodo d'ossa di mare, gelatina al blu di curaçao e pesce crudo. E tantissimi dolci: fragole e barbera, tutto latte, zuppetta di cigliegie con cremoso alla vaniglia e tanti altri.

L'autunno è una stagione che concede tante materie prime: funghi, polenta, patate, castagne, zucca, nocciole, combinate sapientemente da questo artista del gusto. Nascono così tra gli antipasti il minestrone al cubo, tra i primi la crema di mais bianco e funghi porcini, tra i secondi la ribollita e tra i dolci il tiramisù liquido.

Infine si entra nell'inverno, i piatti assumono maggiore sostanza e corposità per accendere le tavole imbandite a festa. Ritroviamo l'uso delle frattaglie e dei sanguinacci del maiale, il pollo lesso, le lenticchie, la frutta secca, noci, fichi, nocciole, uva,  mortadella, distillati, ecc. Si celebra la zuppa italiana e i suoi ingredienti. La crema di ricotta, patate, crudo, alici e aneto è una combinazione perfetta, la morbida ricotta si scioglie in bocca, l'alice la insaporisce e il peperoncino ne esalta il sapore. La zuppa chiamata Prosciutto e melone d'inverno racconta una storia in un sol boccone, dove prosciutto e melone lasciano il posto a tortellini e parmigiano grattugiato. La zuppa di cipolle tradizionale è invece un viaggio nel tempo che riscalda e induce a pensare all'infanzia. Infine il dolce che dà la carica: crema di caffè, anice e cacao.

Potete acquistare Zuppe della collana Mono di Marco Sacco, editore Reed Gourmet sul sito www.reedgourmet.it, o telefonando alla casa editrice, al numero 02 81830450.
Marco Sacco vi aspetta al Piccolo Lago, dove potrete gustare alcune di queste splendide zuppe e tanti altri piatti preparati secondo la filosofia: "Riprendere il passato, modellarlo nel presente, proiettarlo nel futuro." In occasione dell'uscita del libro sabato 24 novembre 2012 il Piccolo Lago propone un menu degustazione con otto ricette d'autore: aperitivo, antipasto, primo, secondo e dolce, tutto a base di zuppe.

Zuppe non può mancare tra i vostri libri di cucina!

www.reedgourmet.it

www.piccololago.it




di Maria Spadaro
SCOPRIRE CON SAPORIE